Papa

Camillo Ripamonti*
Oggi forse più che in passato, e nella nostra Europa più che altrove, sembra non avere diritto di cittadinanza l’indigente, ancora di più se straniero