giovedì 11 gennaio 2024
Proteste a Sanaa (Yemen) dopo l'attacco anglo-americano alle basi degli Houti

Proteste a Sanaa (Yemen) dopo l'attacco anglo-americano alle basi degli Houti - ANSA

COMMENTA E CONDIVIDI

L'attacco anglo-americano in Yemen e la speranza che non inizi un'escalation

L’avevano detto e l’hanno fatto. Nella notte tra giovedì e venerdì gli Stati Uniti e il Regno Unito hanno reagito militarmente agli attacchi condotti nel Mar Rosso in funzione antisraeliana contro navi commerciali e militari dagli Houthi yemeniti, bombardando e lanciando missili di precisione su una sessantina di obiettivi militari in 16 località dello Yemen. Il premier britannico Sunak l’ha definito “un segnale forte” volto a disinnescare sul nascere ogni tentativo di allargare il conflitto in corso nella Striscia di Gaza. Per Russia, Turchia, Cina e il cosiddetto Asse di resistenza filo Hamas capeggiato dall’Iran – che finanzia, arma e “usa” gli Houthi contro l’Arabia Saudita – non si è trattato di deterrenza bensì di un’escalation che minaccia di incendiare tutto il Medio Oriente. Nell’anno elettorale il presidente americano Joe Biden non dovrebbe avere interesse ad alimentare conflitti. Il fatto che si sia trattato di raid di precisione e l’indiscrezione secondo la quale i filo-iraniani sarebbero stati avvisati in anticipo fanno sperare che la tesi della deterrenza sia fondata e che quella dello Yemen non sia l'ennesima miccia. (Anna Maria Brogi)

L'analisi di Fabio Carminati: i "non ribelli" che comandano per interposta persona / La scheda: chi sono gli Houti

La galassia post-fascista: ecco come (e se... ) è cambiato qualcosa

L’adunata di Acca Larentia di domenica 7 gennaio, appuntamento romano annuale peraltro consolidato, ha impressionato per i gesti (i saluti fascista) e per i silenzi (del governo). Ma cos’è l’estrema destra oggi, quella che negli ultimi 15 mesi, dall'inizio dell'esecutivo Meloni, ha messo in atto numerose provocazioni? È sufficiente fotografare l’universo frastagliato delle organizzazioni post-fasciste nate negli ultimi decenni, per capire cosa sta succedendo? Nel viaggio compiuto dal nostro Diego Motta, abbiamo chiesto a un politologo, Marco Valbruzzi, e a uno storico, Domenico Guzzo, di spiegarci dove nasce la nostalgia per il passato nero. Per scoprire che questa vicenda interessa soprattutto alcune minoranze politicizzate, mentre lascia al momento indifferente buona parte dell’opinione pubblica. Nel frattempo, la destra di governo è cambiata e ha saputo emanciparsi da quella parte di storia, pur senza ripudiarla, e adesso viaggia nel solco di altre destre continentali pronte a prendersi nuovi spazi in Europa e non solo, con ricette abili nel mixare passato e presente, in chiave nazionalista.

Le benedizioni alle coppie irregolari: il "sì" dei vescovi francesi, il "non possiamo" di quelli africani

Il tema delle benedizioni extra-liturgiche alle coppie irregolari, continua a essere oggetto di riflessioni. Se dai vescovi francesi arriva un "sì" convinto alla dichiarazione del Dicastero per la Dottrina della fede dello scorso 18 dicembre "Fiducia supplicans", con una nota in cui si incoraggiano i pastori a benedire e accompagnare chi chiede umilmente l'aiuto del Signore, dall'Africa l'elaborazione è più complessa. «Nessuna benedizione per le coppie omosessuali nelle Chiese africane» si intitola il documento pubblicato giovedì a firma del cardinale Fridolin Ambongo, arcivescovo di Kinshasa, in qualità di presidente del Simposio delle Conferenze episcopali di Africa e Madagascar (Sceam). I vescovi del continente, ribadendo la loro comunione con papa Francesco, ritengono che le benedizioni extra-liturgiche proposte dalla Dottrina della fede «non possano essere realizzate in Africa senza esporsi a scandali». Qui l'articolo di Andrea Galli.

Gas, fine del mercato tutelato. Ecco come scegliere la fornitura più conveniente

Dopo 25 anni, viene completata la liberalizzazione del mercato del gas in Italia. È finito il mercato tutelato, dove le tariffe erano fissate dallo Stato: 3,5 milioni di utenti sono stati passati il 10 gennaio in automatico al mercato libero. La tariffa pubblica sul metano rimane soltanto per 2,5 milioni di utenti giudicati "vulnerabili", cioè poveri, malati, anziani e in zone disagiate.​ Ora cosa accadrà? Il timore delle associazioni di consumatori è legato a un possibile aumento dei prezzi. È vero, da un lato che il ritorno all'aliquota al 22% sul gas nel 2024 comporta un incremento della spesa del 13% per la famiglia tipo, che consuma annualmente 1.400 metri cubi. Dall'altro lato, però, va ricordato che il prezzo del gas per il 2024 si è abbassato ed è previsto sui 40 centesimi per metro cubo, come a luglio 2021, prima della crisi energetica. Qui tutti i conti della nostra Redazione Economia.

È anoressica, a Londra il tribunale contro i genitori: l’ospedale la lasci morire

Patricia ha 24 anni e soffre di anoressia nervosa dal 2010. Più volte è stata ricoverata per curare i suoi disturbi alimentari, in alcuni casi è stata salvata. A volte ciò è stato fatto con il suo consenso, altre senza e con il parere dei genitori. Il 15 novembre 2022, in una ennesima situazione di emergenza, i medici hanno deciso che qualsiasi altro intervento sul suo corpo debilitato sarebbe stato «controproducente» e che pertanto doveva essere staccata dal sondino e lasciata andare al suo destino e alla sua autonomia. La famiglia della ragazza ha contestato la scelta dei medici, portando il caso in tribunale. A fine 2023 è arrivata la sentenza: l’alimentazione forzata sarebbe stata «inutile» per una ragazza che aveva detto di «non voler essere salvata». Dal 2020 a oggi ci sarebbero stati altri casi analoghi, a causa di un protocollo del Sistema sanitario nazionale britannico che prescrive ai pazienti maggiorenni affetti da gravi disturbi alimentari monitoraggio e terapie del dolore ma non trattamenti mirati «al recupero o all’aumento di peso». Ovvero alla vita. Il dibattito è acceso: trionfo dell’autodeterminazione? Nuova frontiera del suicidio assistito? Ne parla Angela Napoletano da Londra.

Il catechismo continua oltre la guerra: Prima Comunione per i bimbi di Gaza

Le bombe non hanno fermato le lezioni di catechismo. I bambini hanno continuato a prepararsi per la Prima Comunione, guidati da due missionarie peruviane della Famiglia del Verbo Incarnato. Domenica scorsa, giorno in cui si celebra il Battesimo del Signore, così, i bambini della Sacra Famiglia, l'unica parrocchia cattolica di Gaza, hanno ricevuto l'Eucarestia, come racconta Lucia Capuzzi. «Abbiamo addobbato la chiesa con il poco che avevamo perché fosse un giorno speciale per tutti», ha detto il parroco vicario, padre Yusuf. I cristiani nella Striscia sono 992, di cui 135 cattolici, su un totale di 2,3 milioni di abitanti che la Chiesa assiste – senza distinzione di religione – con tre scuole, tre centri per i più poveri, dieci centri sanitari. Il complesso parrocchiale della Sacra Famiglia ospita quasi seicento sfollati.

Con "Santocielo" Ficarra e Picone inciampano in un mare di polemiche

Si può sorridere sulla religione e farlo in modo rispettoso, magari fornendo anche qualche spunto di riflessione? È quello che hanno pensato i popolari comici Salvo Ficarra e Valentino Picone con Santocielo, immaginando per il Natale 2023 una commedia surreale. Ma i due sono inciampati in un mare di polemiche. La nostra Angela Calvini ha visto il film ed è sembrato zoppicante soprattutto nella struttura narrativa e nei pasticciati intrecci fra religione e politicamente corretto che hanno urtato la sensibilità di molti credenti. Qui la recensione.


Il Vangelo di domenica 14 gennaio commentato da padre Ermes Ronchi

In quel «cosa cercate?» la pedagogia del Signore

In quel tempo Giovanni stava con due dei suoi discepoli e, fissando lo sguardo su Gesù che passava, disse: «Ecco l’agnello di Dio!». (...) Gesù allora si voltò e, osservando che essi lo seguivano, disse loro: «Che cosa cercate?»... ASCOLTA IL PODCAST

© Riproduzione riservata
COMMENTA E CONDIVIDI

ARGOMENTI: