Amazon

Massimo Calvi
Dai Gps ai social, ogni momento della nostra vita è tracciata. Non è il controllo che ci spaventa, ma il pensiero che una parte del nostro corpo sia «teleguidata», come un robot