sabato 8 dicembre 2018
Oltre 8mila manifestanti nella capitale. Protestano contro gli aumenti dei carburanti, ma anche contro il governo.
(Lapresse)

(Lapresse)

Sono una trentina le persone rimaste ferite nelle proteste dei gilet gialli a Parigi, dove le forze di sicurezza hanno fermato, il bilancio si riferisce a metà pomeriggio, più di 720 persone, di cui la maggior parte sono state trattenute in custodia e oltre mille sono state identificate. Tra i trenta feriti, tre sono agenti.

Per Parigi è stata un'altra giornata molto difficile, la quarta da quando sono cominciate le proteste dei gilet gialli. I principali punti di scontro tra la polizia in assetto antisommossa e i manifestanti si sono registrati lungo tutti gli Champs Elysees, ad Avenue Marceau e a Rue de Courcelles, dove diverse auto sono state bruciate e sono state erette barricate.

La polizia antisommossa ha usato gas lacrimogeni, idranti e fatto cariche. In precedenza, c'erano stati scontri soprattutto nella zona dei Grands Boulevards, sugli Champs Elysèes e sulla tangenziale a rapido scorrimento della città. Secondo i dati forniti a mezzogiorno dal segretario di Stato, Laurent Nunez, l'appello dei gilet gialli ha mobilitato 31.000 persone in tutta la Francia, 8.000 dei quali a Parigi.

Il movimento dei gilet gialli, che prendono il nome dal giubbotto catarifrangente che si deve sempre portare in auto, ha preso il via come protesta contro l'aumento delle tasse sul carburante e poi si è amplificato come movimento di ribellione alle politiche del governo e oggi si accompagna alla richiesta di dimissione a gran voce del presidente, Emmanuel Macron.

© Riproduzione riservata

ARGOMENTI: