lunedì 23 ottobre 2017
Nel videomessaggio Papa Francesco ha sostenuto che "il mondo ha bisogno di giovani che tengano gli occhi e il cuore bene aperti sulla realtà, perché nessuno sia vittima di ingiustizie e di violenze"

"Non lasciatevi rubare la vostra giovinezza. Non permettete a nessuno di frenare e oscurare la luce che Cristo mette nel volto e nel cuore. Siate tessitori di relazioni improntate alla fiducia, alla condivisione, all'apertura fino ai confini del mondo. Non innalzate muri di divisione, non innalzate muri di divisione! Costruite ponti, come questo straordinario che state idealmente attraversando e che mette in comunicazione le sponde di due oceani".

Lo afferma papa Francesco, nel videomessaggio inviato ai giovani canadesi partecipanti al Canadian National Youth Forum.

La Sala Stampa Vaticana ha pubblicato sul suo sito il testo integrale del videomessaggio di papa Francesco.

"Il mondo, la Chiesa - dice il Papa - hanno bisogno di giovani coraggiosi, che non si spaventino di fronte alle difficoltà, che affrontino le prove, tengano gli occhi e il cuore bene aperti sulla realtà, perché nessuno venga rifiutato, sia vittima di ingiustizie, di violenze, venga privato della dignità di persona umana".

"Sono certo - aggiunge papa Francesco nel videomessaggio inviato ai giovani canadesi - che il vostro cuore giovane non rimarrà chiuso al grido di aiuto di tanti vostri coetanei che cercano libertà, lavoro, studio, possibilità di dare un senso alla propria vita. Conto sulla vostra disponibilità, sul vostro impegno, sulla vostra capacità di affrontare sfide importanti e di osare il futuro, per compiere passi decisivi sulla via del cambiamento".

Papa Francesco, in vista anche del Sinodo 2018 dedicato ai giovani, osserva che "quando le persone lavorano insieme cercando il bene gli uni degli altri, il mondo si rivela in tutta la sua bellezza. Allora vi chiedo di non lasciarlo rovinare da chi pensa solo a sfruttarlo e a distruggerlo, senza scrupoli. Vi invito a inondare i luoghi in cui vivete con la gioia e l'entusiasmo tipici della vostra età, a irrigare il mondo e la storia con la gioia che viene dal Vangelo, dall'aver incontrato una Persona: Gesù, che vi ha affascinato e vi ha attirato a stare con Lui".

© Riproduzione riservata