Istanbul. 34 migranti annegati nell'Egeo, 7 erano bambini


martedì 5 gennaio 2016
Almeno sette i bambini morti. Le autorità turche hanno recuperato i corpi delle vittime di due naufragi al largo delle coste greche. Diciotto le persone tratte in salvo.
Controlli alla frontiera, vertice Ue straordinario su Schengen
Altri due tragici naufragi nel Mar Egeo. FIno alla tarda sera il numero delle vittime era incerto: alla fine il conto è arrivato a 34, con almeno 7 bambini annegati mentre cercano una via di scampo dalla guerra siriana. Nel primo incidente, avvenuto intorno alle 4 del mattino, è stata coinvolta una imbarcazione diretta all'isola greca di Lesbos, che si è rovesciata a causa del vento e delle onde. I cadaveri di 24 persone sono stati trovati su una spiaggia ad Ayvalik. La Guardia costiera turca è riuscita a salvare 8 dei migranti a bordo. Nelle ore successive altri cadaveri sono stati trovati a Dikili. Secondo il quotidiano Cumhuriyet, facevano parte di un gruppo di 58 profughi, in maggioranza afghani e iraniani, a bordo di un'altra imbarcazione, dieretta sempre a Lesbos. Decine di persone sono state salvate dalla Guardia Costiera. Sui siti web dei media turchi sono state pubblicate foto agghiaccianti di bambini trovati morti sulla spiaggia. I corpi sono vestiti e indossano i giubbotti di salvataggio. I naufragi sono avvenuti per colpa delle avverse condizioni meteo. Secondo l'Organizzazione internazionale per le migrazioni (Oim), sono circa 700 le persone decedute e disperse lo scorso anno durante la traversata del Mar Egeo. Nel 2015, sempre secondo l'Oim, un milione di migranti è arrivato in Europa.
© Riproduzione riservata

ARGOMENTI: