martedì 13 febbraio 2018
Parla Giannelli, presidente dell'associazione nazionale dei presidi: l'involgarimento delle relazioni personali è conseguenza della spregiudicata spettacolarizzazione della violenza televisiva
Il capo dei presidi: «Deriva violenta dovuta alla tv»

«Stiamo assistendo a un progressivo imbarbarimento a una pericolosa deriva dei rapporti civili. E credo che una grossa responsabilità ce l’abbia anche la televisione». Antonello Giannelli, presidente dell’Associazione nazionale presidi, guarda con preoccupazione alla violenza insensata che si sta scatenando, sia pur in contesti limitati e circoscritti, contro gli insegnanti e la scuola in generale, esprimendo «piena solidarietà alle vittime di tali indegne aggressioni». Un intervento che si inserisce nella condanna generalizzata di tutti i soggetti protagonisti dell’azione educativa nel nostro Paese. Da parte sua, Giannelli denuncia e condanna «senza riserve questa incivile deriva dei rapporti tra scuola e famiglie». E, citando Karl Popper, mette in guardia «dai deleteri effetti della cattiva maestra televisione».

Trova che lo schermo trasmetta troppa violenza?

Gli strumenti sono in sé neutri e non intendiamo certo lanciarci in una crociata antitelevisiva. Detto questo, non possiamo non sottolineare che, ormai con preoccupante frequenza, assistiamo a episodi di violenza, verbale e fisica, in film, serie tv e dibattiti vari. L’involgarimento delle relazioni personali è figlio di numerosi fattori tra cui, non ultimo, la spregiudicata spettacolarizzazione della violenza televisiva. Un imbarbarimento che riguarda l’intera società e non soltanto la scuola.

Su quali aspetti bisogna lavorare per fermare questa deriva di violenza?

Occorre fare una riflessione tutti insieme, perché non si può pensare che la scuola possa farcela da sola. Da anni la scuola è impegnata a combattere violenza e bullismo, di cui, come abbiamo visto in questi giorni, è anche vittima. L’accaduto ci fa comprendere, una volta di più, che la quotidiana abnegazione di tutti i lavoratori della scuola – senza alcuna distinzione tra personale dirigente, docente ed ata – non è sufficiente, da sola, ad arginare fenomeni sociali di tale complessità.

Che cosa serve, allora?

È necessario che tutto il Paese, classe politica in primis, si impegni davvero nel rispetto dei valori fondamentali enunciati dalla nostra Costituzione. Bisogna passare dalla riflessione sui valori alla loro messa in pratica. Invece, stiamo purtroppo assistendo a un cortocircuito dei valori fondanti della nostra convivenza civile.

Voi presidi come vi state attrezzando per far fronte a questo fenomeno?

La violenza è, non da oggi, oggetto di riflessione al nostro interno. Questi fatti inaccettabili sono singole lesioni ai principi e ai valori che ho prima ricordato. Ed è gravissimo che, in un così breve lasso di tempo, ci siano già stati almeno 4-5 fatti come quest’ultimo di Foggia. Di fronte a questi episodi la scuola non è inerme, ma non può risolvere, da sola, un problema che riguarda tutta la società.

TUTTI GLI ARTICOLI SULLA SCUOLA

© Riproduzione riservata

ARGOMENTI: