lunedì 6 maggio 2019
Nel secondo e ultimo giorno della sua visita in Bulgaria il Pontefice ha incontrato i cattolici, invitandoli a "essere una Chiesa-famiglia-comunità che accoglie". Poi l'Incontro per la pace a Sofia
L'incontro per la pace a Sofia (Vatican Media / Lapresse)

L'incontro per la pace a Sofia (Vatican Media / Lapresse)

COMMENTA E CONDIVIDI

"Impariamo ad essere una Chiesa-famiglia-comunità che accoglie, ascolta, accompagna, si preoccupa degli altri rivelando il suo vero volto, che è volto di madre. La Chiesa è madre. Chiesa-madre che vive e fa suoi i problemi dei figli, non offrendo risposte confezionate, una madre non dà risposte preconfezionate. Questa Chiesa cerca insieme strade di vita, di riconciliazione; cercando di rendere presente il Regno di Dio. Chiesa-famiglia-comunità che prende in mano i nodi della vita, che spesso sono grossi gomitoli, e prima di districarli li fa suoi, li accoglie tra le mani e li ama. Così fa una mamma, così è la nostra madre-Chiesa".

L'incontro del Papa con i cattolici  bulgari (Vatican Media 'Lapresse)

L'incontro del Papa con i cattolici bulgari (Vatican Media /Lapresse)

È la raccomandazione rivolta da papa Francesco durante l'incontro con la piccola ma entusiasta rappresentanza della comunità cattolica bulgara nella chiesa di san Michele Arcangelo di Rakovsky. "Una famiglia tra le famiglie, questa è la Chiesa, aperta a testimoniare - ha detto - al mondo odierno la fede, la speranza e l'amore verso il Signore e verso coloro che Egli ama con predilezione. Una casa con le porte aperte. La Chiesa è una casa con le porte aperte. Perché è madre". IL TESTO

L'incontro del Papa con i cattolici  bulgari (Vatican Media 'Lapresse)

L'incontro del Papa con i cattolici bulgari (Vatican Media /Lapresse)

L'incontro è iniziato nel segno di san Giovanni XXIII ma anche delle Giornate mondiali della Gioventù: sulle note de “L’Emmanuel”, l’inno della Gmg di Roma del 2000, Francesco ha salutato una famiglia, benedetto e baciato la reliquia e il bassorilievo raffigurante papa Roncalli che qui è stato per nove anni, tra il 1925 e il 1934, visitatore e delegato apostolico a Sofia. Poi Francesco ha raggiunto la zona dell’altare, e si è seduto in mezzo a una quindicina di giovani. Ha ascoltato il saluto del vescovo di Sofia e Plovdiv, monsignor Gheorghi Iovcev, che è nato proprio in questa parrocchia e oggi festeggia il suo onomastico (le Chiese orientali festeggiano infatti oggi san Giorgio).

"Essere una casa dalle porte aperte, sulle orme di Cirillo e Metodio - ha proseguito il Papa ricordando i santi evangelizzatori dei popoli slavi, ora compatroni d'Europa -, oggi richiede anche di saper essere audaci e creativi per domandarsi come si possa tradurre in modo concreto e comprensibile alle giovani generazioni l'amore che Dio ha per noi".

L'incontro del Papa con i cattolici  bulgari (Vatican Media 'Lapresse)

L'incontro del Papa con i cattolici bulgari (Vatican Media /Lapresse)

"Sappiamo e sperimentiamo che 'i giovani, nelle strutture consuete, spesso non trovano risposte alle loro inquietudini, alle loro esigenze, alle loro problematiche e alle loro ferite' - ha osservato citando la sua esortazione apostolica Christus vivit -. E questo ci chiede un nuovo sforzo di immaginazione nelle nostre azioni pastorali, per cercare il modo di raggiungere il loro cuore, conoscere le loro attese e incoraggiare i loro sogni, come comunità-famiglia che sostiene, accompagna e invita a guardare il futuro con speranza".

Secondo Francesco, "una grande tentazione che affrontano le nuove generazioni è la mancanza di radici che le sostengano, e
questo le porta allo sradicamento e a una grande solitudine. I nostri giovani, nel momento in cui si sentono chiamati ad esprimere tutto il potenziale in loro possesso, molte volte restano a metà strada a causa delle frustrazioni o delle delusioni che sperimentano, poiché non hanno radici su cui appoggiarsi per guardare avanti".

"E questo - ha aggiunto - aumenta quando si vedono obbligati a lasciare la propria terra, la propria patria, la propria famiglia".

L'incontro per la pace a Sofia (Vatican Media ' Lapresse)

L'incontro per la pace a Sofia (Vatican Media / Lapresse)

Dopo l'incontro con i cattolici bulgari, papa Francesco si è diretto in piazza Nezavisimost, ex piazza Lenin, oggi piazza Indipendenza, nel cuore di Sofia, dove si affacciano la chiesa ortodossa di Nedelia, la chiesa cattolica di San Giuseppe e la sinagoga. Lì ha presieduto l'Incontro per la pace, alla presenza degli esponenti delle varie confessioni religiose del Paese: cristiani cattolici e ortodossi, musulmani, ebrei. Fedi rappresentate da altrettante lanterne accese attorno a un cero e tenute in mano da bambini, dopo la lettura del Cantico delle Creature composto da San Francesco d'Assisi. IL TESTO

Pioveva, ma questo non ha fermato il coro di bambini che hanno cantato "We are the World". "Ciascuno di noi, sulle orme di San Francesco, è chiamato a diventare un costruttore, un 'artigiano' di pace - esorta il Pontefice -. Pace che dobbiamo implorare e per la quale dobbiamo lavorare, dono e compito, regalo e sforzo costante e quotidiano per costruire una cultura in cui anche la pace sia un diritto fondamentale. Pace attiva e fortificata contro tutte le forme di egoismo e di indifferenza che ci fanno anteporre gli interessi meschini di alcuni alla dignità inviolabile di ogni persona".


Il Papa sottolinea che "la pace esige e chiede che facciamo del dialogo una via, della collaborazione comune la nostra condotta, della conoscenza reciproca il metodo e il criterio, per incontrarci in ciò che ci unisce, rispettarci in ciò che ci separa e incoraggiarci a guardare il futuro come spazio di opportunità e di dignità, specialmente per le generazioni che verranno".

Indicando le fiaccole accese all'interno delle lanterne, in rappresentanza di tutte le fedi religiose presenti in Bulgaria, papa Francesco sottolinea che "esse simboleggiano il fuoco dell'amore che è acceso in noi e che deve diventare un faro di misericordia, di amore e di pace negli ambienti in cui viviamo. Un faro che vorremmo illuminasse il mondo intero: con il fuoco dell'amore noi vogliamo sciogliere il gelo delle guerre".

Il Pontefice osserva che "stiamo vivendo questo evento per la pace sulle rovine dell'antica Serdika a Sofia cuore della Bulgaria. Noi possiamo vedere da qui i luoghi di culto di diverse Chiese e confessioni religiose: Santa Nedelia dei nostri fratelli ortodossi, San Giuseppe di noi cattolici, la Sinagoga dei nostri fratelli maggiori ebrei, la Moschea dei nostri fratelli musulmani e vicino la Chiesa degli armeni. Possa questo luogo simbolico rappresentare una testimonianza di pace".

In questo momento, afferma il Papa, "le nostre voci si fondono e all'unisono esprimono l'ardente desiderio della pace. La pace si diffonda in tutta la Terra - esorta Francesco - nelle nostre famiglie, in ognuno di noi e specialmente in quei luoghi dove tante voci sono state fatte tacere dalla guerra, soffocate dall'indifferenza e ignorate per la complicità schiacciante di gruppi di interesse. Tutti cooperino alla realizzazione di questa aspirazione: gli esponenti delle religioni, della politica, della cultura. Ciascuno là dove si trova, svolgendo il compito che gli spetta, può farsi strumento di pace".

© Riproduzione riservata
COMMENTA E CONDIVIDI