Stati Uniti. Obama: Guantanamo è inutile, va chiuso


martedì 23 febbraio 2016
​Il presidente degli Stati Uniti: non serve alla lotta contro il terrorismo ed è costoso, in termini economici e di immagine. Dobbiamo chiudere questo capitolo della nostra storia e imparare la lezione dell'11 settembre.
Obama: Guantanamo è inutile, va chiuso
Il presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha deciso: chiudere Guantanamo. Farlo, ha detto, è "chiudere un capitolo della nostra storia e imparare la lezione dell'11 settembre. Abbiamo un'opportunità di progresso, è nostro dovere perseguirla". Il piano per la chiusura di Guantanamo, ha aggiunto, "riflette gli sforzi di tutta la mia amministrazione, a partire dal dipartimento della Difesa". Notando poi che è stato "ampiamente riconosciuto" che la prigione deve essere chiusa. Alla decisione concorrono varie riflessioni: etica, politica, economica, ma anche quella relativa all'utilità pratica: "Se qualcosa non funziona - ha ripreso, dobbiamo cambiare corso. Da tempo è evidente che Guantanamo mina i valori americani e non aiuta la nostra sicurezza nazionale. È controproducente nella lotta al terrorismo. Non è un parere mio, ma degli esperti. Tenerla aperta è contrario ai nostri valori, è vista come una macchia. Quando parlo con gli altri leader, sottolineano che è un problema non risolto". "Guantanamo è costosa", ha continuato il presidente osservando come il centro speciale di detenzione risulti oneroso per l'America, "per i contribuenti", oltre che in termini di immagine. L'amministrazione Obama stima che il trasferimento dei detenuti da Guantanamo ad altre prigioni americane consentirà di risparmiare 65-85 milioni di dollari all'anno: lo hanno anticipato fonti del Pentagono. Il mantenimento di Guantanamo costa attualmente 445 milioni di dollari.
© Riproduzione riservata

ARGOMENTI: