mercoledì 12 giugno 2019
Le vittime di ebola sono salite a 1.390 nella Repubblica democratica del Congo, dove le autorità hanno dichiarato anche una grave epidemia di morbillo
Un centro di screening dell'ebola a Bunagana, al confine tra Uganda e Repubblica democratica del Congo (Ap)

Un centro di screening dell'ebola a Bunagana, al confine tra Uganda e Repubblica democratica del Congo (Ap)

COMMENTA E CONDIVIDI

Dopo aver provocato 1.390 morti nella Repubblica democratica del Congo, dove l’epidemia è ancora in corso, il virus dell’ebola fa registrare la sua prima vittima anche nella confinante Uganda. Anche se ci sono state numerose segnalazioni in precedenza, questo è il primo caso confermato in Uganda. Si tratta di un bambino congolese di 5 anni arrivato dal Congo con la sua famiglia il 9 giugno, entrati nel Paese attraverso il posto di frontiera di Bwera in cerca di cure mediche all'ospedale di Kagando. Il bambino è stato poi trasferito all'unità di trattamento dell'ebola di Bwera ed è morto nella notte tra martedì e mercoledì.

Il ministero della Salute ugandese e l'Organizzazione mondiale della sanità hanno inviato una squadra nella zona per tracciare i contatti e gestire i casi che potrebbero verificarsi. Coloro che sono venuti a contatto con il paziente verranno vaccinati. Secondo quanto comunicato successivamente dall'Oms ci sono già altri due casi di contagio confermati.

Da quando ha avuto inizio l’epidemia in Congo lo scorso agosto, le autorità congolesi hanno registrato 2.062 contagi con 1.390 vittime, concentrati soprattutto nella regioni orientale del Nord Kivu. Proprio ieri, peraltro, le autorità sanitarie di Kinshasa hanno dichiarato anche un’epidemia di morbillo che ha già causato la morte di almeno 1.500 persone, un centinaio in più quindi dell’epidemia di ebola.

I sanitari parlano di oltre 65mila casi sospetti di morbillo riportati sull’intero sterminato territorio congolese. Il dato sulle vittime, riferito ai primi cinque mesi del 2019, è il più alto in relazione al morbillo dal 2012. Il ministero della Salute congolese ha riferito di aver vaccinato ad aprile contro il morbillo 2,2 milioni di bambini e di avere in programma con una nuova campagna ulteriori 1,4 milioni di vaccinazioni.

© Riproduzione riservata
COMMENTA E CONDIVIDI

ARGOMENTI: