venerdì 11 gennaio 2019
Una missione spaziale cinese è atterrata per la prima volta sul "dark side of the Moon". Oggi ha mosso i primi passi e ha inviato a Terra le immagini. Pechino sempre più superpotenza spaziale
I primi metri percorsi dal rover cinese sulla superficie del lato oscuro della Luna. (China National Space Administration)

I primi metri percorsi dal rover cinese sulla superficie del lato oscuro della Luna. (China National Space Administration)

La Cina sbarca sul "dark side of the Moon". La sonda cinese Chang'e-4 - che prende il nome da una dea della luna - è atterrata lo scorso 3 gennaio sul "lato oscuro" della Luna, la prima nella storia, e oggi ha fatto uscire il rover Yutu-2 - o Coniglio di Giada, dal nome dell'animale domestico della dea della luna - che ha guidato sulla superficie lunare per circa otto ore dopo l'atterraggio.

La missione ha inviato la prima immagine panoramica del luogo di atterraggio venerdì, mostrando il grigio paesaggio lunare che sta esplorando e quindi i segni lasciati dal rover nella terra lunare.

La foto panoramica, realizzata dalla missione spaziale cinese ha inviato la prima immagine panoramica del luogo di atterraggio, mostra il grigio paesaggio del lato oscuro della Luna. (China National Space Administration)

La foto panoramica, realizzata dalla missione spaziale cinese ha inviato la prima immagine panoramica del luogo di atterraggio, mostra il grigio paesaggio del lato oscuro della Luna. (China National Space Administration)

"Dal panorama, possiamo vedere che la sonda è circondata da molti piccoli crateri", ha detto Li Chunlai, comandante in capo del sistema di applicazione a terra per la missione Chang'e-4, secondo l'agenzia ufficiale Xinhua.

Chang'e-4 è atterrato nel cratere Von Karman nel bacino del Polo Sud-Aitken. Il bacino è il cratere di impatto più grande e profondo del sistema solare.

La China National Space Administration (CNSA) ha detto che la fase iniziale della missione è stata un «completo successo». La missione entra ora nella «fase di esplorazione scientifica».

La sonda Chang'e-4 è dotata di strumenti sviluppati da scienziati svedesi, tedeschi e cinesi per studiare l'ambiente lunare, la radiazione cosmica e l'interazione tra il vento solare e la superficie lunare. Chang'e-4 è la seconda sonda cinese ad atterrare sulla Luna, dopo la prima missione del rover Yutu sul lato terrestre nel 2013.

© Riproduzione riservata