sabato 13 aprile 2019
La F1 festeggia in Cina il suo millesimo Gran Premio. Ma il futuro è ancora un rebus, tra burocrazia e sponsor in calo
La Scuderia Toro Rosso durante le qualifiche al Gp di Cina / LaPresse

La Scuderia Toro Rosso durante le qualifiche al Gp di Cina / LaPresse

COMMENTA E CONDIVIDI

Comunque vada, il risultato resterà nella storia della F1. Perché la gara numero 1000 di un mondiale partito il 13 maggio 1950 vale molto per la statistica. Partire in pole per Valtteri Bottas è già un mezzo successo, finire davanti anche in gara sarebbe un trionfo. Nel giorno delle celebrazioni del mondiale F1 restano aperti molti interrogativi. Va bene celebrare il presente rifacendosi a un passato glorioso, ma quello che preoccupa è il futuro. Ci sono troppi argomenti sul terreno da discutere che quello che accade in pista, la Ferrari in seconda fila con Vettel e Leclerc, le Red Bull Honda in rimonta con Verstappen e Gasly, sono buoni per le dispute dei tifosi al bar che devono giustificare questa o quella prestazione. Il problema di base è che la F1 è ingabbiata in una selva di norme, leggi e regolamenti per cui si finisce per parlare addosso. Perdendo di vista lo scopo primario. Far competere gli uomini e i mezzi e da qui trovare spunti per gli albi d’oro, dal punto di vista umano, e innovazione tecnologica per chi, le case, investe soldi a profusione. Si parla tanto di giugno e delle scadenze ad esso legate.

Quella dei nuovi regolamenti tecnici per il 2021, per la spartizione dei premi, in calo in quanto il prodotto F1 tira di meno e per giunta non piace ai giovani: «Direi che non è vero che non piace ai giovani - dice Lewis Hamilton - il problema è che per guardare i Gp devi pagare le Tv satellitari e coi costi attuali e la mancanza di introiti dei giovani, è difficile coniugare le due cose. Se le immagini fossero libere ci sarebbero più appassionati in grado di seguirci». Vero, ma Lewis dimentica che buona parte degli introiti delle squadre derivano proprio dai soldi che le Tv, a pagamento, hanno iniettato per i diritti televisivi e quindi meno soldi, più visione fa a pugni con le richieste delle squadre e degli sponsor. I primi vogliono più soldi, i secondi più visibilità. Un equilibrio difficile da trovare e che vede, stranamente, Ferrari e Mercedes alleate. Sono le uniche due squadre che non hanno svenduto gli spazi pubblicitari. I costi per comparire su queste monoposto sono rimasti uguali al passato. Anche a costo di rimetterci di tasca propria. Ovvero, se non si vendono agli sponsor, interviene la casa madre a compensare. Mentre il resto dello schieramento ha svalutato la propria appetibilità.

Per fare un esempio, i costi per avere uno spazio di 15 centimetri su una vettura sono passati da 5 milioni di euro ai 750 mila attuali. È una F1 che celebra 1000 GP e cerca una risposta ai quesiti sul domani. Per farlo confida nelle gesta dei piloti, campioni come Hamilton in sfida con Bottas, di Vettel che si confronta col giovane Leclerc, su storie e gesti da tramandare, con gare combattute da iscrivere negli annali. Per renderla appetibile, quindi vendibile e prendere due piccioni con una fava: gare belle, piloti icone, immagini da rivendere e coinvolgere gli sponsor. Qualcuno deve cedere qualcosa. Meno costi? «Certo - dice Toto Wolff della Mercedes - se guardi lo schieramento e vedi le differenze fra i top team e gli altri è chiaro che spendere meno sia importante, come lo è avere le risorse per competere al meglio, cosa che facciamo contro la Ferrari. È un equilibrio difficile da trovare ma necessario. Per questo sono fiducioso che una soluzione la troveremo». Intanto con due Mercedes davanti a due Ferrari, due Red Bull, due Renault e due Haas, il gioco delle coppie F1 appare quanto mai scontato, ma questo oggi passa in secondo piano: comunque vada sarà un giorno storico. Buon compleanno F1. Chiunque vinca.

© Riproduzione riservata
COMMENTA E CONDIVIDI

ARGOMENTI: