Ambiente e digitale: rivoluzione "gemella"
sabato 30 gennaio 2021
Èil nuovo mantra della ripartenza per grandi e medie imprese. Si chiama Twin Strategy: accelerare la transizione verso il mondo digitale e - in parallelo - moltiplicare gli investimenti in sostenibilità e impatto sociale dell'azienda. Al punto da rivoluzionare il classico percorso di crescita delle aziende: il "verde" e il "blu" di Luciano Floridi, digitalizzazione e sostenibilità, diventano le stelle polari verso cui indirizzare la gran parte delle scelte, dei comportamenti e delle teste pensanti nel mondo imprenditoriale. A certificare questo trend è il nuovo studio di Accenture dal titolo «The European Double Up: a twin strategy that will strengthen competitiveness», presentato nei giorni scorsi al summit globale di Davos. Secondo l'analisi, le aziende che sapranno accelerare la transizione verso digitale e sostenibilità avranno probabilità 2,5 maggiori delle altre di diventare "leader di domani", recuperando più rapidamente i danni economici causati dalla pandemia e uscendo più forti dalla crisi del Covid-19. È confortante il fatto che, in media, le imprese europee siano posizionate su questa frontiera meglio dei competitors americani o asiatici: già oggi il 40% delle aziende europee intervistate prevede di effettuare ingenti investimenti nel campo dell'intelligenza artificiale e il 37% nel cloud, mentre il 31% sta riorientando i propri investimenti per concentrarsi su modelli di business orientati alla sostenibilità. Per superare la crisi, in sostanza, le imprese devono superare una "curva" storica della domanda e dell'offerta. E per farlo sono costrette ad affrontare una fase ri-generativa che può essere ben raffigurata dalla forma della doppia elica del DNA. Secondo Fabio Benasso, presidente e amministratore delegato di Accenture Italia, questa «è una metafora potente per le imprese che sono nel mezzo di due transizioni parallele: la digital transformation e la sostenibilità. Le aziende che continuano a percorrere strade già battute saranno spettatrici impotenti dei concorrenti che diventeranno sempre più competitivi sfruttando il dinamismo alla base del loro Dna». L'alternativa vincente, per riposizionarsi in coerenza con lo spirito del tempo, consiste invece nel «liberare il valore che si trova nella fusione tra le tecnologie più innovative e i tradizionali punti di forza dell'Europa quali sostenibilità e solidarietà». La Twin Strategy è un modello verso cui tendere, da declinare su settori e dimensioni differenti, che richiede non solo investimenti rilevanti ma anche (soprattutto) un ripensamento dell'intera organizzazione dell'impresa. Una sfida molto complessa per imprenditori e manager, ma "vitale" per stabilire quale futuro avrà il nostro sistema imprenditoriale.
Per commentare la rubrica con l'autore,
scrivi a: fdelzio@luiss.it
© Riproduzione riservata
COMMENTA E CONDIVIDI

ARGOMENTI: