Viaggio nel libro di Daniele, diciannovesima puntata
Ricordo come se fosse ora quei giorni dell’infanzia in paese, quando arrivava un cieco errante. Quel cieco errante mi rimane in fantasia come la sorpresa più singolare
Viaggio nel libro di Daniele, diciannovesima puntata
Ricordo come se fosse ora quei giorni dell’infanzia in paese, quando arrivava un cieco errante. Quel cieco errante mi rimane in fantasia come la sorpresa più singolare

Questo contenuto è riservato agli utenti registrati

Avvenire

Guarda tutte le nostre offerte Accedi

Se sei abbonato ad Avvenire Digitale Accedi

© Riproduzione riservata