giovedì 12 luglio 2018
A Varano de' Melegari la tappa italiana della manifestazione dedicata ai giovani progettisti universitari. Design, efficienza ingegneristica e sostenibilità dei costi i criteri per vincere
 Tornano in pista gli ingegneri di domani

Il periodo è dall’11 al 15 luglio 2018; la location è sempre la stessa: il circuito di Varano de' Melegari (Parma). Per la tappa italiana della 14esima edizione della Formula SAE sono previsti più di 2.600 studenti provenienti da 23 Paesi. Come da tradizione i protagonisti sono gli studenti delle Facoltà di Ingegneria di tutto il mondo (e non laureati, questi non possono partecipare), 80% ragazzi e il 20% ragazze, super appassionati di tutto ciò che si muove su due, quattro e più ruote, con sotto il cofano motori endotermici e/o elettrici. A rappresentare l’Italia, 14 team provenienti da 13 atenei.

SAE sta per Society of Automotive Engineers, così chiamata in riferimento al nome della società ideatrice. Si tratta di una gara tra studenti universitari che, divisi in team, si impegnano a progettare, costruire e mettere in pista la propria vettura da competizione, valutata attraverso diverse prove, basate su design, efficienza ingegneristica e sostenibilità dei costi. La tappa italiana (Formula SAE Italy & Formula Electric Italy) dal 2017 è organizzata da ANFIA, che ha raccolto l'eredità di ATA - Associazione Tecnica dell'Automobile.

Si tratta di una manifestazione di sicuro interesse, sia per gli spettatori (ne meriterebbe molti di più), sia per le aziende di settore che, in questo contesto, danno inizio alla sezione estiva del loro calcio mercato sperando di accaparrarsi il fenomeno (leggi ingegnere) di turno. Di fenomeni, magari, ce ne saranno pochi, ma di giovani appassionati con le mani unte di olio e grasso, armati di cacciavite e di buona volontà, ce ne sono davvero tanti.

Anche quest'anno Fiat Chrysler Automobiles sarà main sponsor della manifestazione (insieme con Dallara) a conferma della volontà di rafforzare lo stretto legame con il mondo accademico che caratterizza da sempre le scelte aziendali. FCA partecipa con il marchio Abarth, il partner ideale per questo genere di manifestazione, in quanto i suoi valori di divertimento, passione e determinazione applicate al mondo delle corse ben si integrano con l'attività dei giovani studenti, che si ingegnano a costruire la loro monoposto esattamente come lavorava Carl Abarth per trovare soluzioni alternative e performanti ai modelli su cui interveniva.
Per queste caratteristiche saranno intitolati al marchio Abarth i premi assegnati ai vincitori della gara Endurance per vetture con motore a combustione e con alimentazione elettrica e della prova Trackdrive per le auto a guida autonoma.

La novità 2018? La guida autonoma, appunto. Proprio queste vetture fanno il loro esordio nell'edizione 2018 di Formula SAE: le auto di questa classe (1D) sono state progettate e costruite per sviluppare un sistema a guida autonoma e parteciperanno agli eventi dinamici sempre in modalità senza pilota. Durante la manifestazione, i team di studenti affronteranno prove statiche (Design Event, Business Presentation Event e Cost Event) e prove dinamiche in pista (Acceleration, Skid Pad, Autocross, Endurance, per la classe 1D la prova di Trackdrive sostituisce Autocross ed Endurance).

L'obiettivo è mettere al centro, più che l'agonismo in sé, le capacità maturate dai ragazzi in termini di conoscenze ingegneristiche, impegno, organizzazione e rispetto delle tempistiche, coordinamento della progettazione e presentazione del prodotto.
La "cinque giorni" è iniziata con la cerimonia d'apertura di mercoledì 11 luglio. Era presente il pilota Gian Maria Gabbiani, testimonial del progetto Bosch “Allenarsi per il Futuro”, dedicato alla formazione, all’orientamento e all’alternanza scuola-lavoro dei giovani. Gabbiani, attraverso la metafora dello sport, ha raccontato ai ragazzi che con la volontà e l’impegno si possono raggiungere importanti risultati. La manifestazione rappresenta per gli studenti un’importante opportunità per testare le proprie capacità, mettendosi alla prova davanti a specialisti del settore, ma anche per muovere i primi passi nel mondo del lavoro. I referenti del servizio risorse umane di Bosch Italia saranno presenti con un corner dedicato, attenti a individuare gli studenti più talentuosi. Il contatto fra azienda e giovani è da sempre al centro delle attività di selezione di Bosch. Ai ragazzi dunque, il compito di dimostrare il proprio valore aggiunto in termini di visione, motivazione, determinazione e capacità pratica, unendo la passione per la tecnologia e i motori con le qualità necessarie per avvicinarsi concretamente al mondo del lavoro

La manifestazione terminerà la sera di domenica 15 luglio con una cerimonia di chiusura sempre sul rettilineo d'arrivo del circuito, a cui parteciperanno tutti i ragazzi e durante la quale saranno premiati i vincitori. Sono previsti riconoscimenti per numerose categorie, suddivise per classi (Combustion, Electric, Driverless o progetti senza vettura) e per tipo di test. Oltre ai premi assegnati per la gara di Endurance per le vetture termiche ed elettriche e al Trackdrive riservata ai veicoli driverless, Abarth inviterà i team vincenti a una tappa del Trofeo Abarth Selenia 2018 e permetterà a tutti i partecipanti di guidare alcune vetture in test drive durante la quattro giorni di Varano. Sul sito www.formula-ata.it è possibile trovare il programma completo, l'elenco dei partecipanti e tutti i dettagli della manifestazione.

© Riproduzione riservata

ARGOMENTI: