domenica 29 ottobre 2017
Una piattaforma ewb consente coltivazioni su prenotazione
Con MyAgry conserve dell'orto a casa propria in tutte le stagioni

Amore per la propria terra, passione per la tradizione, laurea in economia aziendale, esperienza come programmatore: questi gli ingredienti con cui Giuseppe Colucci, giovane imprenditore molisano, ha realizzato MyAgry, la piattaforma web che offre agli utenti la possibilità di «portare la campagna a casa propria ». Siamo a San Martino in Pensilis in provincia di Campobasso. MyAgry è nata da una richiesta quasi casuale del padre di Colucci: «Perchè non crei qualcosa per noi agricoltori?» gli chie- se proprio mentre la moglie stava preparando dei barattoli di melanzane sottolio.

Da qui l’intuizione: quante persone vorrebbero fare altrettanto ma non possiedono terreni? Quante sarebbero capaci di coltivarli? e quante sarebbero in grado di preparare conserve genuine nella scia della tradizione? MyAgry offre a tutti l’opportunità di creare telematicamente il proprio orto, di seguire la crescita degli ortaggi che vi vengono coltivati, eventualmente di raccoglierli insieme ai contadini, di sceglierne la modalità di conservazione e infine di riceverli direttamente a casa. Il sito è di semplice ed intuitivo: si parte dalle dimensioni dell’appezzamento che vanno da un minimo di 25 mq sufficienti per una famiglia ai 1000 mq per le esigenze dei ristoratori, si prosegue con la scelta degli ortaggi che segue la stagionalità, si continua con l’indicazione della percentuale in cui si desidera essi vengano coltivati: per ogni ortaggio è indicato il metodo di coltivazione il trattamento (classico o biologico), il numero di filari e, soprattutto, la resa. L’ultima selezione è quella relativa alla lavorazione dopo la raccolta (pelati, passata, pezzettoni, sottolio, sugo).

Ad ogni utente inviamo le coordinate gps del 'proprio' orto. Un altro aspetto assolutamente innovativo è quello che si potrebbe definire 'orto diffuso' «In Molise – spiega Colucci – ci sono tantissimi agricoltori che posseggono piccoli appezzamenti: è con loro che MyAgry crea i propri orti, ad essi affida la coltivazione, chiedendo che siano rispettare standard come l’assoluto divieto di pesticidi e specie per i pomodori, con la raccolta a mano». Entro dodici ore dal raccolto gli ortaggi vengono portati a trasformazione in un’azienda biologica certificata e da lì spediti ai proprietari virtuali degli orti; tutte le fasi di lavorazione e conservazione escludono tassativamente qualsiasi additivo.

© Riproduzione riservata