Intervista. «Puglia, le colture intensive violentano il territorio»


Pino Ciociola, testo e video lunedì 18 gennaio 2016
Una "logica sciagurata" che induce a "violentare il territorio", quella delle colture intensive: lo racconta Michele Assennato, direttore generale dell'Agenzia regionale per l'ambiente (Arpa) Puglia, spiegando come invece "gli agricoltori più intelligenti tendono a risparmiare il proprio suolo, dando garanzie di futuro alla propria impresa" e non a "bruciarla nella logica di profitto a breve termine". Ma la coltura intensiva crea un'altra conseguenza pesantissima: "Purtroppo riscontriamo tracce di pesticidi in numerosi alimenti" - aggiunge Assennato -, ad esempio "frutta come uva e fragole".
2RW5FO02Jcs;430;242
© Riproduzione riservata

ARGOMENTI:

Attualità

Danilo Paolini
Appena qualche giorno fa, tra le consuete, trite polemiche, abbiamo ricordato il settantaduesimo anniversario della Liberazione dell’Italia dalla dittatura fascista e dall’occupazione nazista ...