sabato 14 ottobre 2017
Cortei e proteste in 70 città contro l'alternanza scuola/lavoro. I pareri degli esperti sui pro e i contro
I cortei del 13 ottobre in 70 città (Lapresse)

I cortei del 13 ottobre in 70 città (Lapresse)

Studenti in corteo per le vie delle città con la tute blu da metalmeccanici (a Roma) e urlando: «Non siamo i vostri schiavi», ma anche uova contro le vetrine di McDonald’s (a Milano) e qualche tafferuglio. Così ieri è andata in scena la giornata di mobilitazione in 70 città italiane dei ragazzi delle secondarie superiori e degli universitari. Tutti contro le modalità con cui viene realizzata l’Alternanza scuola-lavoro negli istituti superiori, perché «non garantisce alcuna forma di apprendimento » e invece «propone solo lavoro non retribuito». Stessa ragione denunciata anche dagli universitari: i «tirocini-sfruttamento» non attinenti ai percorsi di studi. Mentre la ministra Fedeli non cambia idea: «È un’innovazione didattica importante», dice. L’alternanza coinvolge un milione e mezzo di studenti ed è andata a regime in questo anno scolastico. Per i liceali sono previste almeno 200 ore di esperienza presso aziende e imprese da ripartire nell’ultimo triennio.

PERCHE' NO / L'economista Marta Fana: «Fatta così, meglio abolirla. Per me è solo lavoro gratuito» di F. Riccardi

PERCHE' SI' / Il pedagogista Emanuele Massagli: «Il tirocinio dev'essere il metodo, non un obbligo» di G. Isola

© Riproduzione riservata

ARGOMENTI: