Rivelazioni. Bertone replica alle accuse: gogna mediatica


lunedì 28 aprile 2014
La risposta a quanto scritto da alcuni giornali in merito alla sua abitazione è arrivata con una lettera inviata ai settimanali diocesani di Ivrea, Vercelli e Genova.
Nei giorni scorsi alcune testate italiane, riprese sui media e sui social network internazionali, hanno preso di mira il cardinale Tarcisio Bertone, già segretario di Stato vaticano. Accusandolo di farsi ristrutturare un appartamento-reggia in Vaticano da 700 metri quadrati e sostenendo che, per questo, lo stesso papa Francesco avesse manifestato irritazione. Domenica il cardinale Bertone ha deciso di rispondere alla «gogna mediatica» cui è stato sottoposto. E ha scelto di farlo cercando di avere come interlocutori non tanto il mondo giornalistico quanto i fedeli disorientati dalle accuse. Così ha inviato una lettera ai settimanali diocesani di Ivrea – la sua Chiesa di origine –, di Vercelli e Genova, di cui è stato pastore prima di prestare servizio in Vaticano prima come segretario della Congregazione per la dottrina della fede con san Giovanni Paolo II e poi come più stretto collaboratore di Benedetto XVI e per i primi sette mesi del pontificato di papa Francesco. Nella sua lettera, tra l’altro, il cardinale Bertone ha precisato che l’appartamento è stato presentato come di «metratura raddoppiata». E ha sottolineato di essere «grato e commosso per la telefonata affettuosa che ho ricevuto da Papa Francesco il 23 aprile scorso per dirmi la sua solidarietà e il suo disappunto per gli attacchi rivoltimi».
© Riproduzione riservata

ARGOMENTI:

Attualità

Marco Tarquinio
Le Ong impegnate nel Canale di Sicilia sono gli occhi che rischiamo di non avere più, sono le mani che non possiamo lasciare inerti, alimentano consapevolezze nelle coscienze d'Europa