martedì 5 dicembre 2017
Ci volle la profetica “ostinazione” di san Giovanni Bosco per far trovare la strada giusta al beato Filippo Rinaldi. Il fondatore dei Salesiani, infatti, aveva visto in quel ragazzo di Lu Monferrato (dove era nato nel 1856) la stoffa del vero educatore. Dopo che aveva lasciato il collegio al quale il padre lo aveva iscritto, fu don Bosco a convincere Filippo a percorrere la strada verso il sacerdozio. Rinaldi emise i voti nel 1880 e nel 1882 fu ordinato sacerdote. “Meditazione” fu il mandato che don Bosco gli consegnò pochi giorni prima di morire e Rinaldi visse questa eredità spirituale in tutto il suo ministero. Nel 1889 fu inviato in Spagna e lì fece crescere la Famiglia salesiana. Nel 1922 divenne terzo successore di don Bosco, riuscendo a portare il carisma del fondatore nel cuore delle sfide del XX secolo. Morì nel 1931.
Altri santi. San Saba Archimandrita, abate (439-532); san Geraldo (Gerardo) di Braga, vescovo (m. 1108).
Letture. Is 11,1-10; Sal 71; Lc 10,21-24.
Ambrosiano. Ez 16,1.3a-3b.44-47.57b-63; Sal 79; Os 1,6-2,2; Mt 19,23-30.
© Riproduzione riservata