Ma c'è bisogno di tanta “#Riccanza”?
giovedì 6 dicembre 2018
Spendono soprattutto in mangiare, bere, abbigliamento e viaggi. Quanto non importa. Per loro non c'è limite. Sono i giovani ricchi, figli di papà, che da qualche anno abbiamo imparato a conoscere grazie alla tv, in particolare alla serie #Riccanza in onda su Mtv (canale 133 di Sky). Ne abbiamo viste in questi anni di tutti i colori, soprattutto abbiamo visto il colore dei soldi. #Riccanza è arrivata alla terza stagione. Ma nel frattempo è partita anche Mamma che #Riccanza dove al posto dei rampolli di famiglie bene ci sono madri belle, eccentriche, stravaganti, ma soprattutto ricche. Pronte a viziare in tutto e per tutto i loro pargoli predestinati senza scampo a una vita da nababbi. Una Riccanza non è stata negata nemmeno ai quadrupedi. Per cui martedì 4 dicembre, giorno della prima di #Riccanza3 alle 22.50, Mtv ha proposto nell'arco delle ventiquattr'ore #Riccanza Reunion, #Riccanza2, Mamma che #Riccanza, #Riccanza2 Best Of e #Riccanza: Vita da cani. L'hashtag in tutti i titoli sta a sottolineare quanto per queste persone siano importanti i social, il virtuale rispetto al reale per mettere in mostra la propria ricchezza. Quello che conta è che ogni situazione che vivono sia «instagrammabile» (la Crusca prenda nota). Intanto, la terza serie si affida a Farid Shirvani, ventottenne di origini persiane che da diversi anni vive a Milano. Il suo principale problema è quale Rolex abbinare alle Jordan (orologio e scarpe per chi non lo sapesse). È lui il filo conduttore di una stagione in cui gli autori del programma sembrano indirizzarsi verso il reality vero e proprio. Nel senso che si creano situazioni in cui i protagonisti sono messi a confronto. Si organizzano feste dove sono possibili incontri amorosi. Si seguono i giovani non solo negli acquisti, ma anche in attività comuni. C'è più costruzione, più scrittura. Anche il famoso «dompe» da «sbocciare» è ormai un protagonista più come sponsor che come simbolo di dolce vita. «Dompe» ovviamente sta per Dom Pérignon, uno dei migliori e soprattutto costosi champagne francesi. Ma non è il solo. Di bollicine ne compaiono tante. Per non parlare delle griffe. In questo senso #Riccanza diventa un grande spot oltre che l'ostentazione della ricchezza allo stato puro.
© Riproduzione riservata

ARGOMENTI: