mercoledì 6 febbraio 2019
La preghiera di Francesco per Haiti e dolore per i naufraghi affogati nell'oceano Atlantico
Papa: ad Abu Dhabi una nuova pagina di storia per il dialogo e la pace
COMMENTA E CONDIVIDI

Il Papa ha fatto il suo ingresso in aula Paolo VI, dove lo attendevano 7mila fedeli, poco prima delle 9.30, amabilmente “strattonato” da un lato all'altro del corridoio centrale percorso a piedi, come di consueto. Molti i gruppi di bambini – uno dei quali gli ha mostrato un cartello con scritte variopinte a mano, in caratteri cubitali, in segno di ringraziamento perché grazie a lui avevano saltato un giorno di scuola – e di ragazzi con cui si è intrattenuto: con un gruppo di giovani spagnoli, muniti di bandiera rossa e gialla, ha scambiato qualche battuta scherzosa. Neanche oggi è mancata una sosta per sorseggiare il mate e un’altra per l’ormai tradizionale “scambio dello zucchetto”. Fermandosi ancora una volta, il Papa – sorridente e rilassato, nonostante il viaggio negli Emirati Arabi Uniti che si è appena concluso – ha messo il suo autografo su alcune sciarpe bianche, con un pennarello nero.

Come sempre accade la catechesi odierna si è concentrata, a un giorno dal ritorno dalla Penisola arabica, sul recente viaggio di papa Francesco negli Emirati Arabi Uniti. "Oltre ai discorsi, ad Abu Dhabi è stato fatto un passo in più: io e il Grande Imam di Al-Azhar abbiamo firmato il Documento sulla Fratellanza Umana - ha spiegato il Papa nell'udienza generale - nel quale insieme affermiamo la comune vocazione di tutti gli uomini e le donne a essere fratelli in quanto figli e figlie di Dio, condanniamo ogni forma di violenza, specialmente quella rivestita di motivazioni religiose, e ci impegniamo a diffondere nel mondo i valori autentici e la pace". Riferendosi alla recente visita negli Emirati Arabi Uniti Francesco ha ricordato che è stato "un viaggio breve ma molto importante che, riallacciandosi all'incontro del 2017 ad Al-Azhar, in Egitto, ha scritto una nuova pagina nella storia del dialogo tra Cristianesimo e Islam e nell'impegno di promuovere la pace nel mondo sulla base della fratellanza umana", ha aggiunto Francesco.

"In un'epoca come la nostra, in cui è forte la tentazione di vedere in atto uno scontro tra le civiltà cristiana e quella islamica, e anche di considerare le religioni come fonti di conflitto, abbiamo voluto - ha continuato il Papa - dare un ulteriore segno, chiaro e deciso, che invece è possibile incontrarsi, è possibile rispettarsi e dialogare, e che, pur nella diversità delle culture e delle tradizioni, il mondo cristiano e quello islamico apprezzano e tutelano valori comuni: la vita, la famiglia, il senso religioso, l'onore per gli anziani, l'educazione dei giovani, e altri ancora". "Questo documento - ha poi aggiunto Francesco a braccio - sarà studiato nelle scuole e università di molti paesi e vorrei che anche voi lo studiaste perché contiene tante cose importanti".

“Negli Emirati Arabi Uniti vive circa un milione di cristiani, un po’ di più: lavoratori originari di vari Paesi dell’Asia”. Lo ha detto il Papa, che nell'udienza in aula Paolo VI, ha ripercorso le tappe del suo viaggio negli Emirati Arabi Uniti, da cui è appena tornato. “Ieri mattina – ha raccontato ai fedeli – ho incontrato una rappresentanza della comunità cattolica nella Cattedrale di San Giuseppe ad Abu Dhabi – un tempio molto semplice – e poi ho celebrato per tutti l’Eucaristia nello stadio della città, annunciando il Vangelo delle Beatitudini”. “Erano moltissimi!”, ha esclamato Francesco a proposito della partecipazione massiccia alla prima messa celebrata all'aperto nella penisola arabica: “Dicono che dentro lo stadio erano 40mila, ma con i maxischermi esterni arrivavano a 150 mila”, i numeri forniti dal Papa. “Nella Messa, concelebrata con i Patriarchi, gli Arcivescovi Maggiori e i Vescovi presenti – ha proseguito Francesco – abbiamo pregato in modo particolare per la pace e la giustizia, con speciale intenzione al Medio Oriente e allo Yemen”. “Cari fratelli e sorelle, questo Viaggio appartiene alle ‘sorprese’ di Dio” ha concluso il Papa: “Lodiamo dunque Lui e la sua provvidenza, e preghiamo perché i semi sparsi portino frutti secondo la sua santa volontà”.

HAITI: LA PREGHIERA PER LE VITTIME DEL NAUFRAGIO

Sabato scorso, vicino all'arcipelago delle Bahamas, è affondato un barcone con a bordo decine di migranti provenienti da Haiti e in cerca di speranza e di un futuro di pace", ha detto papa Francesco al termine dell'udienza generale. "Il mio pensiero affettuoso - ha aggiunto - va alle famiglie provate dal dolore, nonché al popolo haitiano colpito da questa nuova tragedia". "Vi invito a unirvi alla mia preghiera per quanti sono drammaticamente scomparsi e per i feriti", ha concluso il Pontefice.

IL VIDEO DELL'UDIENZA GENERALE

Video

© Riproduzione riservata
COMMENTA E CONDIVIDI

ARGOMENTI: