venerdì 4 agosto 2017
Una nota della Santa Sede: il Papa prega per il popolo venezuelano che soffre, siano rispettati i diritti umani
A Caracas una manifestazione di sostenitori del Governo e della Costituente (Ansa)

A Caracas una manifestazione di sostenitori del Governo e della Costituente (Ansa)

La Santa Sede esprime, in una nota diramata dalla sala stampa vaticana, «la sua profonda preoccupazione per la radicalizzazione e l'aggravamento della crisi» in Venezuela. Il Papa «direttamente e tramite la Segreteria di Stato, segue da vicino tale situazione e i suoi risvolti umanitari, sociali, politici, economici ed anche spirituali e assicura la sua costante preghiera per il Paese e tutti i venezuelani, mentre invita i fedeli di tutto il mondo a pregare intensamente per questa intenzione».

In pari tempo, prosegue la nota, «la Santa Sede chiede a tutti gli attori politici, e in particolare al Governo, che venga assicurato il pieno rispetto dei diritti umani e delle libertà fondamentali, nonché della vigente Costituzione; si evitino o si sospendano le iniziative in corso come la nuova Costituente che, anziché favorire la riconciliazione e la pace, fomentano un clima di tensione e di scontro e ipotecano il futuro; si creino le condizioni per una soluzione negoziata in linea con le indicazioni espresse nella lettera della Segreteria di Stato del 1° dicembre 2016, tenendo presenti le gravi sofferenze del popolo per le difficoltà a procurarsi il cibo e le medicine, e per la mancanza di sicurezza».

La Santa Sede «rivolge, infine, un accorato appello all`intera società affinché venga scongiurata ogni forma di violenza, invitando, in particolare, le Forze di sicurezza ad astenersi dall'uso eccessivo e sproporzionato della forza».

© Riproduzione riservata