venerdì 23 giugno 2017
Entro le prossime ore la formazione completerà il disarmo e si scioglierà. L'annuncio del presidente Santos: «Un evento che cambierà la storia del Paese»
Guerriglieri delle Farc in Antioquia, Ansa/Ap

Guerriglieri delle Farc in Antioquia, Ansa/Ap

COMMENTA E CONDIVIDI

Si chiudono oggi 52 anni di storia cruenta. Entro la mezzanotte, la guerriglia delle Fuerzas Armadas Revolucionarias de Colombia (Farc) smetteranno di esistere. Lo ha annunciato il presidente, Juan Manuel Santos, proprio nel giorno in cui è stato diffuso il programma del viaggio di papa Francesco nella nazione.

Il disarmo del gruppo – ha sottolineato il leader – sarà completato entro le prossime ore, quando le Farc consegneranno l’ultimo 40 per cento del proprio arsenale ai rappresentanti delle Nazioni Unite incaricati di accompagnare il processo di pace, dopo la firma dell’accordo, il 24 novembre. Il resto era stato recapitato nelle settimane precedenti.

La firma dell'accordo tra Santos e il leader delle Farc, Timochenko, Ap

La firma dell'accordo tra Santos e il leader delle Farc, Timochenko, Ap

«Questa notizia cambierà la storia della Colombia», ha detto Santos fra gli applausi degli assistenti. Martedì, le’vento sarà celebrato con una cerimonia pubblica. Poi, la guerriglia comincerà il proceso di trasformazione in partito politico legale, come stabilito nell’intesa. Il disarmo avrebbe dovuto concludersi il primo giugno. Le Farc, però, avevano chiesto una proroga per questioni logistiche.

L'Eln libera i giornalisti

Nelle stesse ore, l’altra guerriglia colombiana – l’Ejercito de liberación nacional (Eln) – ha liberato i due giornalisti olandesi sequestrati lunedì. Un gesto di buona volonta in vista delle trattative di pace, che era stato chiesto dalla Chiesa. Quest'ultima è impegnata nei colloqui iniziati a Quito per un secondo accordo, sul modello di quello con le Farc.

© Riproduzione riservata
COMMENTA E CONDIVIDI