giovedì 22 luglio 2021
Padre Lino Allegri è minacciato dai sostenitori del presidente per alcune frasi pronunciate lo scorso 4 luglio durante l'omelia domenicale
Padre Allegri in una foto pubblicata dall'agenzia Sir

Padre Allegri in una foto pubblicata dall'agenzia Sir - .

COMMENTA E CONDIVIDI

Un sacerdote missionario italiano, fidei donum in Brasile, padre Lino Allegri, è minacciato dai sostenitori del presidente Bolsonaro per alcune frasi pronunciate lo scorso 4 luglio durante l'omelia domenicale.

"Sono sorpreso di quanto accaduto, ma sono sereno. Anche se in questo periodo - dice padre Lino, secondo quanto riporta il Sir - a causa della pandemia, che a Fortaleza e in tutto il Brasile è ancora molto attiva, si esce poco, la mia vita è comunque scombussolata. Non penso di correre veri e propri pericoli rispetto alla mia incolumità, ma la cosa è seria e mi dispiace che nella vicenda sia stato coinvolto anche il bravo parroco a cui sto dando una mano, ora l'obiettivo sta diventando lui". Vicenda comunque seria, dunque, tanto che "le autorità giudiziarie mi hanno convocato, sono state molto cortesi e mi hanno offerto di garantirmi sicurezza negli spostamenti". Oggi padre Lino sarà ricevuto dall'arcivescovo, José Antônio de Aparecido Tosi.

"Quella domenica - racconta - ho celebrato la Messa nella chiesa principale della parrocchia, composta mediamente da persone di classe medio-alta. Nell'omelia ho tentato di mettere insieme il Vangelo e la vita: sulla scia dell'apostolo Pietro, ho detto che la fede professata va di pari passo con l'amore per i fratelli. In questo contesto, ho fatto riferimento al presidente Bolsonaro, che parla sempre di Dio, ma mette in atto politiche che vanno in senso contrario, anche nella vicenda del Covid-19 - in Brasile abbiamo superato le 510mila vittime - e dei vaccini. Alla fine della Messa otto persone sono venute in sacrestia. Non posso dire che mi abbiano aggredito fisicamente, ma hanno tenuto un atteggiamento verbale violento e minaccioso, mi hanno detto di tornare in Italia, mi hanno dato del comunista. Altri fedeli si sono frapposti e hanno detto a queste persone di uscire dalla sacrestia. Il fatto ha subito avuto forte risonanza".

Domenica scorsa, anche se padre Lino per prudenza non ha celebrato nella chiesa parrocchiale, "c'è stata una presenza in chiesa di un gruppo di sostenitori del presidente, in gran parte ex ufficiali e imprenditori, - spiega ci il sacerdote- tutti con la maglietta gialla della nazionale e il numero 17, in pratica la 'divisa' usata da Bolsonaro durante la campagna elettorale del 2018. Una dimostrazione di forza, alla fine della messa si sono fatti fotografare, naturalmente senza mascherina, il cui uso qui è ancora prescritto, anche all'esterno".

© Riproduzione riservata
COMMENTA E CONDIVIDI

ARGOMENTI: