Iniziativa. L'educazione finanziaria passa dal portale


Maurizio Carucci venerdì 17 febbraio 2017
È on line "Cura i tuoi soldi", che avvicina i cittadini ai temi della gestione consapevole del denaro e del risparmio
L'educazione finanziaria passa dal portale

L'educazione finanziaria passa anche dalla rete. È on line, infatti, Cura i tuoi soldi (www.curaituoisoldi.it), il nuovo portale che avvicina i cittadini ai temi della gestione consapevole del denaro e del risparmio grazie a contenuti di facile consultazione e ad un linguaggio semplice e diretto. L'iniziativa è legata al decreto salvabanche, che dà il via libera anche a misure di educazione finanziaria, con una spesa annua ipotizzata su un milione di euro. Il decreto è diventato legge pochi giorni fa. Il provvedimento, su cui il governo ha posto le sue prime due fiducie - una alla Camera e una al Senato - è stato approvato definitivamente a Montecitorio con 246 sì e 147 no. Lo stesso premier Paolo Gentiloni ha commentato su Twitter: «Il Parlamento ha approvato il decreto salvarisparmio. Un passo avanti per garantire più sicurezza economica a famiglie e imprese».

«Grande soddisfazione - ha sottolineato Beppe Ghisolfi, presidente della cassa di Risparmio di Fossano e vicepresidente Acri - per un provvedimento che renderà gli studenti più consapevoli. Sono certo che l'educazione finanziaria, che la legge rilancia con la costituzione di un comitato ad hoc contribuirà a ristabilire un clima di serenità e di miglior comprensione tra cittadini e banche».


II progetto Cura i tuoi soldi, realizzato dalla Fondazione per l’Educazione Finanziaria in collaborazione con numerose associazioni dei Consumatori, cerca di dare una risposta all’esigenza di diffusione dell’educazione finanziaria più volte sollecitata dalle Istituzioni e dai legislatori per fornire strumenti di conoscenza, e quindi di tutela, ai piccoli risparmiatori e in generale ai cittadini che debbano affrontare scelte legate alla gestione del proprio denaro.


Nel portale, che crescerà nei prossimi mesi, grazie alla collaborazione con partner accademici, quale Adeimf (Associazione Docenti di Economia degli Intermediari Finanziari) e privati, quali Global Thinking Foundation, si possono trovare suggerimenti utili sulla gestione consapevole del proprio denaro, con sezioni dedicate al risparmio, ai servizi bancari, alle carte di pagamento, al credito e ai mutui, alla relazione tra banca e clienti, con un’attenzione particolare alle famiglie, che possono trarre notevole beneficio da una corretta gestione del bilancio familiare, ma anche ai più giovani, con consigli e informazioni sulla moneta elettronica e sui nuovi strumenti per una gestione efficiente della paghetta.

Il portale è un luogo virtuale in cui i cittadini possono orientarsi con facilità nella conoscenza dei prodotti finanziari e degli intermediari con cui interagire, fattore indispensabile per compiere scelte consapevoli e informate. Tra le caratteristiche, la possibilità di accedere alle informazioni per fasi di vita (giovani, famiglie, anziani) e di trovare quindi indicazioni utili rispetto alle reali esigenze collegate all’età. Ai giovani, per esempio, viene proposto il tema della pianificazione del proprio futuro economico attraverso informazioni sulla previdenza integrativa. In questa sezione, i visitatori, troveranno non solo informazioni sui prodotti finanziari pensati per questa esigenza, ma anche materiale divulgativo sul tema realizzato dalla Fondazione per far comprendere in modo semplice lo scenario previdenziale italiano.

Inoltre, il portale prevede una sezione dedicata alle persone vittime di usura, nella quale si affronta il problema dell’indebitamento, suggerimenti su come affrontare situazioni di sovra-indebitamento e su come prevenire il ricorso a prestiti usurari.

Infine, sarà a breve disponibile una sezione video, nella quale numerosi contenuti del portale saranno fruibili anche attraverso filmati che, in modo rapido, intuitivo e divertente spiegheranno e racconteranno alcuni aneddoti e regole base dell’agire in senso economico.

© Riproduzione riservata

ARGOMENTI: