venerdì 3 febbraio 2017
L'Universitas Mercatorum e Federmanager puntano alla creazione di profili professionali specializzati e di un percorso agevolato di inserimento nel mondo del lavoro
Intesa sull'alta formazione

L'Universitas Mercatorum e Federmanager hanno siglato un protocollo d'intesa per la costituzione di un Tavolo di lavoro rivolto alla "Pianificazione di attività di alta formazione, percorsi di aggiornamento professionale e definizione di progetti di ricerca congiunti". L'accordo è finalizzato alla creazione di profili professionali altamente specializzati e di un percorso agevolato di inserimento nel mondo del lavoro, anche attraverso tirocini curriculari ed extracurriculari presso Federmanager, che rappresenta i 180mila manager.

«La convenzione – spiega il presidente dell'Universitas Mercatorum, Danilo Iervolino – è perfettamente organica al piano di sviluppo che abbiamo messo a punto per l'Ateneo con Unioncamere, altro partner di Mercatorum. Il punto di forza della nostra offerta formativa è l'accesso facilitato al mondo del lavoro e, segnatamente, a quello delle imprese. In questo solco si inserisce l'intesa con il presidente di Federmanager, Stefano Cuzzilla, per favorire sinergie proficue tra il mondo accademico e il settore delle attività produttive».

«L'industria sta cambiando volto a grande velocità: macchine e uomini devono interagire in un contesto globale ad alta competizione. Per questo, le competenze manageriali sono essenziali e vanno costantemente aggiornate - afferma Stefano Cuzzilla, presidente di Federmanager -. L'accordo siglato consentirà ai nostri colleghi di rafforzare il proprio bagaglio professionale. Inoltre con la collaborazione del presidente Iervolino e dei docenti dell'Universitas Mercatorum favoriremo anche lo sviluppo di nuovi talenti e di nuove idee per la crescita del Paese».

Il protocollo prevede l'attivazione di corsi di perfezionamenti, alta formazione, master di I e II livello, rivolti sia agli iscritti di Federmanager che agli studenti dell'Universitas Mercatorum; nonché la promozione di attività di ricerca calibrate sui bisogni e le tematiche specifiche del mondo del management.


© Riproduzione riservata

ARGOMENTI: