giovedì 31 agosto 2017
Provocano statisticamente meno incidenti degli uomini, ma solo il 46% delle auto in Italia sono intestate a loro. Il primato alla Valle d'Aosta, ultima la Puglia
Le donne al volante? Ora ribaltano i proverbi

Donna al volante, pericolo costante? Nulla di più falso. In Italia gli incidenti causati dalle automobiliste oggi sono molti meno di quelli con responsabilità maschile, ma nonostante questo e sebbene rappresentino quasi il 51,5% della popolazione residente in Italia, sono intestati a donne solo il 46,12% dei veicoli circolanti. E' quanto emerge da una elaborazione di Facile.it, il portale per il confronto delle assicurazioni auto. Il primato delle donne proprietarie di automobili spetta alla Valle d'Aosta dove quasi 6 auto su 10 sono di proprietà femminile (58,10%), mentre fanalino di coda è la Puglia (36,09%).

Le donne proprietarie di auto sono minoranza in tutto il Sud, ma anche in Veneto (48,32%), Piemonte (47,60%), Liguria (47,19%), Lombardia (45,60%), Trentino Alto Adige (41,82%). E' in seconda posizione per numero di vetture intestate ad esponenti del gentil sesso invece l'Umbria (53,11%), seguita da Friuli Venezia Giulia (51,15%), Lazio (51,06%), Marche (50,92%), Toscana (50,43%), Emilia Romagna (50,41%). Nel Meridione, invece, al primato negativo della Puglia, segue quello di Campania (39,55%), Basilicata (40,45%), Calabria (42,15%), Sardegna (43,60%), Molise (44,11%), Sicilia (45,63%), Abruzzo (48,03%).

Eppure notoriamente le donne fanno meno incidenti degli uomini. Nel dicembre del 2012 la Corte di Giustizia Europea dichiarò inapplicabile questo genere di differenziazione, ma fino ad allora tra i parametri considerati per calcolare i premi dell'RC auto rientrava anche il sesso, elemento che favoriva le donne, almeno fino ad una certa età. Infatti, se le neopatentate fino a 19 anni risultavano causare il 25% di incidenti in meno rispetto agli uomini, già tra i 30 ed i 33 anni questa differenza si riduceva al 9% e dagli "anta" in poi le donne denunciavano più incidenti dei loro coetanei di sesso maschile.

© Riproduzione riservata

ARGOMENTI: