venerdì 1 dicembre 2017
Da sabato 2 a domenica 10 dicembre la rassegna torna al passato dando molto spazio alle attività per il pubblico e anche alle moto: esibizioni, gare, prove e tanti modelli nuovi e d'epoca da vedere
Sport e spettacolo: a Bologna sfreccia la passione

Bologna riparte dal Motor Show. Da domani al 10 dicembre presso i padiglioni della Fiera andrà in scena l'ennesima edizione del Salone dell'auto che quest'anno ripropone una sorta di ritorno al passato. Infatti le attività in pista saranno maggiori e più coinvolgenti per il pubblico che potrà visitare la mostra a partire appunto da sabato prossimo. Il biglietto durante la settimana costa 18 euro, mentre per il week-end (2-3-8-9-10 dicembre) sarà di 25 euro. Molti i marchi presenti che esporranno le ultime novità lanciate durante l'anno. Fiat, Lancia, Alfa Romeo, Jeep, Abarth, Mopar, Peugeot, Citroen, Ds, Hyundai, Kia (che avrà in pista come testimonial Alex Del Piero che si esibirà pure in pista nell'area 48), Volvo, Honda, Tesla, Suzuki, Ferrari, Lamborghini, Militem, Cadillac, Corvette, Chevrolet, Bentley, Mc Laren, Maserati, mentre SsangYong, Toyota, Mitsubishi saranno presenti nell’area test drive 4×4 e Ford sarà presente con i raduni di Mustang e Focus RS. Un elenco notevole, che fa sperare in un afflusso di spettatori superiore all'anno scorso, quando 227 mila persone visitarono il Motor Show.

Ma ritorno all'antico vuol dire anche il ritorno delle moto, che mancavano da 15 anni a Bologna. Infatti saranno esposte Harley Davidson, Suzuki, Honda, Quadro, Red Moto, Gruppo Buscaroli con Triumph e BMW. E' un buon segnale sulla ripresa del settore automotive italiano, che si conferma trainante nella nostra industria, con 1,16 milioni di addetti – il 7% della manifattura – e una produzione che chiude a +7,1% i primi 9 mesi del 2017. Ci sarà posto anche per la Formula Challenge che è una sfida fra gli studenti dei vari atenei di ingegneria per le soluzioni più innovative nel settore.

Ma parlando di Bologna e di spettacolo in pista, l'Area 48, ribattezzata Motul Arena, sarà fitta di appuntamenti, sotto le regia di Aci Sport. Venerdì 1 dicembre ci sarà in quest'area l'inaugurazione ufficiale con taglio del nastro, madrina l'attrice Giorgia Palmas. A seguire oltre ad alcuni test drive ad alta emozione, inizieranno le esibizioni dell’Alfa Romeo 4C Club Italia, che poi continueranno sabato 2 dicembre, prima giornata di apertura al pubblico. In questa giornata ci sarà una sorta di Ferrari Day che culminerà con il Pit Stop, due esibizioni della Scuderia di Maranello in modalità Gran Premio, con la monoposto regina in pista ed una sosta ai box con tutti gli uomini in rosso al lavoro come nella gare del Campionato del Mondo. Prevista anche la presenza delle F.1 storiche e le gare del challenge Ferrari 488. Fra le storiche molti pezzi pregiati, fra cui una Cooper T51 del 1959, la Lotus 18 del 1960, la Ferrari B3 del 1972 con il leggendari V12 boxer, o la Tecno del ’72 pilotata da Nanni Galli a Bologna, ma anche la March 1976.

Nella notte tra mercoledì 6 e giovedì 7 dicembre il tracciato dell’Area 48 - Motul Arena cambierà aspetto e prenderà la mitica forma asfalto terra per arrivare nel week end conclusivo, del 9 e 10 dicembre, al culmine dello spettacolo dei rally con il “Memorial Bettega” anticipato dal Trofeo Pucci Grossi, l’adrenalinica sfida in notturna di sabato 9 tra le star internazionali del motorsport, tra cui spicca il 9 volte Campione del mondo Motocross Tony Cairoli, su Hyundai i20 come il campione Europeo Giandomenico Basso; due astri finlandesi come il protagonista delle scene del mondiale rally Teemu Suninen, nel 2017 vincitore della WRC 2 in Spagna, e il giovanissimo figlio d’arte Kalle Rovampera, primo attore nel Campionato Italiano Rally che torna in gara al Motor Show, oltre ad un altro nome illustre come l’emergente 16enne Oliver Solberg, tutti sulle Ford Fiesta WRC. Sport, spettacolo, motori e tanta passione: la ricetta di sempre funzionerà anche stavolta?



© Riproduzione riservata

ARGOMENTI: