mercoledì 23 maggio 2018
I pellegrini dall'Italia saranno ospiti nella Penisola di Azuero dal 16 al 20 gennaio 2019. La macchina organizzativa è già al lavoro per offrire un'accoglienza calorosa. Ecco le prime informazioni
Un momento di festa con i giovani di Chitré in vista della prossima Gmg

Un momento di festa con i giovani di Chitré in vista della prossima Gmg

“Se avete deciso di visitare la nostra diocesi, sentitevi già parte della nostra grande famiglia che si sta preparando con entusiasmo ad accogliere calorosamente ben 20mila pellegrini in occasione della Giornata mondiale della gioventù in programma a Panama dal 22 al 27 gennaio del 2019”.



Inizia così il messaggio inviato ai giovani italiani da suor Ester Rodriguez, che sta coordinando l’organizzazione dei Giorni nella diocesi a Chitré, dove saranno accolti i ragazzi italiani. Si fermeranno qui prima di raggiungere Panama per la Gmg: per ora il Servizio nazionale per la pastorale giovanile ha chiesto la disponibilità per 1.000 posti da riservare agli italiani (per la prima volta a una Gmg ci sarà una proposta "nazionale" per i "gemellaggi"), ma a Chitré giurano di essere pronti ad accoglierne anche di più: “Quando ho dato la notizia che avremmo accolto gli italiani – racconta suor Rodriguez – è scoppiato un fragoroso applauso e subito i responsabili delle parrocchie sono venuti a chiedermi di poterli ospitare”.


INFORMAZIONI GENERALI

Video


La diocesi di Chitré comprende le province di Herrera e Los Santos, che insieme formano la Penisola di Azuero. La diocesi è stata eretta il 21 luglio 1962 con la bolla Danielis prophetia di papa Giovanni XXIII, ricavandone il territorio dall'arcidiocesi di Panama.

Il vescovo di Chitré, Rafael Valdivieso Miranda. A sinistra, suor Ester Rodriguez

Il vescovo di Chitré, Rafael Valdivieso Miranda. A sinistra, suor Ester Rodriguez

Dal 2013 è retta dal vescovo Rafael Valdivieso Miranda, quarto pastore della diocesi. La popolazione diocesana è stimata in circa 214mila abitanti.

A Chitré si trova la Cattedrale di San Giovanni Battista: la città conta poco più di 9mila abitanti, che però arrivano a circa 80mila contando l’intera area urbana.

Il territorio diocesano è diviso in quattro zone pastorali e conta 23 parrocchie: a loro il compito di accogliere i 20mila pellegrini. Per ora le famiglie hanno già reso disponibili 18.500 posti e i gruppi registrati sono una cinquantina, provenienti da 25 Paesi di varie parti del mondo. “Speriamo che anche la tua diocesi scelga di visitarci per poter condividere questa meravigliosa esperienza”, scrive suor Ester nel suo messaggio.


I GIORNI NELLA DIOCESI

I giovani della diocesi di Chitré si preparano all'accoglienza

I giovani della diocesi di Chitré si preparano all'accoglienza

Con l’espressione Giorni nella diocesi (in spagnolo Días en la Diocesis, ovvero “DeD”) ci si riferisce alla settimana precedente alla Gmg e cioè quelli che vanno dal 16 al 20 gennaio 2019. Rispetto al calendario indicato nel sito ufficiale della Gmg (che fa iniziare i DeD il 17 gennaio), a Chitré si è preferito dare un giorno in più ai pellegrini, per arrivare con calma e sistemare prima di gettarsi nelle attività previste.

Alcuni gruppi hanno deciso di arrivare in terra panamense anche prima del 16 gennaio, organizzandosi in autonomia e coprendo di tasca propria le spese extra rispetto al pacchetto offerto dalla diocesi. “Anche pensando a questi gruppi – dice suor Ester – la diocesi metterà a disposizione alcune guide turistiche che potranno accompagnare i ragazzi in brevi visite, previo contatto e accordo con l’organizzazione”.


ALLOGGI E SISTEMAZIONI

“Il nostro desiderio è che tutti i pellegrini che ci visiteranno possano essere accolti nelle famiglie e questa sarà la prima opzione di alloggio per tutti. Tuttavia abbiamo valutato altre opzioni possibili”, sottolinea la religiosa responsabile dell’organizzazione.

Ad esempio se un gruppo vorrà restare tutto unito nello stesso posto, verrà offerta una sistemazione nei locali della scuola più vicina alla parrocchia di riferimento. Ovviamente sempre in base a disponibilità e dimensioni dei gruppi da ospitare.

Una riunione degli organizzatori dell'accoglienza dei Ded (Giorni nella diocesi) a Chitré

Una riunione degli organizzatori dell'accoglienza dei Ded (Giorni nella diocesi) a Chitré

“È nostro vivo desiderio che i pellegrini che ci visiteranno conoscano la nostra cultura e la nostra vita di fede, convivendo alcuni giorni con le famiglie, le quali si stanno preparando con grande entusiasmo e affetto per farvi sperimentare tutto il calore dell’accoglienza della nostra gente”, sottolinea suor Ester.


LE ATTIVITÁ

Anche a Chitré, ovviamente, ci sarà un programma diocesano per attività durante i Ded. A questo si affiancherà un programma di iniziative promosse dalle diverse parrocchie, in base a ciò che esse hanno da offrire sul loro territorio. Tutti questi eventi saranno pubblicati dettagliatamente nel sito web della diocesi www.diocesischitre.org, forse già entro giugno.

I giovani di Chitré lungo le strade della città con il vescovo Rafael Valdivieso Miranda

I giovani di Chitré lungo le strade della città con il vescovo Rafael Valdivieso Miranda

Ogni giorno sarà caratterizzato da una attività comune per tutte le diocesi di Panama, Costa Rica e Nicaragua:

16 gennaio – mercoledì: Sarà il giorno dell’accoglienza dei vari gruppi nelle diverse zone pastorali. Nella zona 4 è previsto un concerto con la presenza del Gen Verde.

17 gennaio – giovedí: Sarà la giornata di preghiera per la Chiesa dei poveri e dei martiri. Il gesto comune di questo giorno sarà il servizio e i pellegrini potranno condividere con gli altri qualcosa di tipico della loro cultura: un canto, una danza o altro.

18 gennaio – venerdí: Sará il giorno dell’ecologia. Come gesto comune, alcuni giovani rappresentanti delle differenti nazionalità, pianteranno ciascuno un albero in un luogo predisposto.

19 gennaio - sabato: Sarà il giorno dedicato a Maria e sarà un giorno diocesano perché tutti i giovani, dalle diverse parrocchie si riuniranno a Chitré per una celebrazione eucaristica. Ci sarà poi una mostra dedicata alla religiosità, alla cultura e al folclore locale, che si chiuderà con una sfilata per le vie della città.

20 gennaio – domenica: Sarà il giorno della famiglia. I pellegrini condivideranno alcuni momenti particolari con le famiglie che li hanno ospitati, parteciperanno alla Messa dell’Invio e poi, dopo i saluti, cominceranno a partire verso la capitale per le giornate internazionali della Gmg. Poiché il trasferimento verso Panama City è organizzato dallo stesso Governo panamense lungo la strada Panamericana, alcuni gruppi partiranno il giorno seguente, 21 gennaio.


UN RAPPORTO SPECIALE CON L'ITALIA

I giovani della diocesi di Chitré a Roma per la consegna dell'icona e della croce dei giovani

I giovani della diocesi di Chitré a Roma per la consegna dell'icona e della croce dei giovani

Il legame con l'Italia non è solo "ideale", radicato nell'amore che i giovani e tutti gli abitanti di Chitré hanno per "il Paese dove vive il Papa". Un gruppo di ragazzi di Chitré, infatti, ha partecipato alla celebrazione delle Palme del 2017 a Roma assieme ai giovani di Panama: in quell'occasione Francesco ha consegnato loro i due simboli della Gmg, l'icona di Maria e la Croce dei giovani, che durante questo anno hanno pellegrinato attraverso le diocesi del Centro America.

Don Michele Falabretti e Marcello Bedeschi assieme a suor Ester Rodriguez a Chitré

Don Michele Falabretti e Marcello Bedeschi assieme a suor Ester Rodriguez a Chitré

Non solo: di recente Chitré ha ricevuto la visita di una delegazione italiana, guidata dal responsabile del Servizio nazionale per la pastorale giovanile della Cei, don Michele Falabretti, che ha voluto invitare alcuni giovani di Chitré a partecipare all'incontro dei giovani italiani con papa Francesco l'11 e il 12 agosto. "Sarà l'occasione per portare il nostro caloroso invito di persona ai ragazzi italiani", conclude suor Ester.

© Riproduzione riservata

ARGOMENTI: