sabato 7 ottobre 2017
Questa domenica il presidente della Cei sul “treno storico” con 560 fedeli della sua diocesi per celebrare i settanta anni del Santuario della Madonna di Fatima di Città della Pieve
Gualtiero Bassetti, oggi cardinale e presidente della Cei, durante un pellegrinaggio in treno negli anni scorsi

Gualtiero Bassetti, oggi cardinale e presidente della Cei, durante un pellegrinaggio in treno negli anni scorsi

Arriverà in Vaticano questa domenica mattina con il treno a vapore. Il presidente della Cei e arcivescovo di Perugia-Città della Pieve, il cardinale Gualtiero Bassetti, guiderà domani il pellegrinaggio mariano della “sua” diocesi per celebrare i settanta anni dalla consacrazione del Santuario della Madonna di Fatima di Città della Pieve, uno dei più antichi d’Italia dedicati alla Vergine apparsa nella cittadina del Portogallo un secolo fa. I pellegrini umbri giungeranno nella Città del Vaticano a bordo del “treno storico” a vapore che partirà alle 8 dalla stazione ferroviaria di Chiusi e che arriverà alla stazione San Pietro in Vaticano alle 10.30.

In una carrozza d’altri tempi salirà anche il cardinale Bassetti. E sembrerà quasi un pellegrinaggio simile a quello che in treno compì Giovanni XXIII il 4 ottobre 1962 a Loreto e ad Assisi pregando per l’imminente apertura del Concilio Vaticano II. Il presidente della Cei accompagnerà più di 560 fedeli dell’arcidiocesi che pregheranno sulla tomba dell’apostolo Pietro. Il parroco della Concattedrale di Città della Pieve, don Aldo Gattobigio, spiega il senso dell’iniziativa: «Vogliamo rievocare il pellegrinaggio che settanta anni fa portò in Vaticano la statua della Vergine Maria benedetta da papa Pio XII prima di collocarla nel Santuario di Città della Pieve, uno dei primi in Italia ad essere stato intitolato alla Madonna di Fatima di cui quest’anno ricorre il centenario delle apparizioni. I pellegrini riporteranno in San Pietro, dinanzi a papa Francesco, l’immagine della Beata Vergine tanto venerata nella nostra città anche da fedeli provenienti da fuori regione».

Il “treno storico” effettuerà alcune fermate intermedie prima di concludere il viaggio alla stazione San Pietro: sono quelle nelle stazioni di Fabro, Orvieto e Orte. Dopo aver partecipato all’Angelus del Papa in piazza San Pietro a mezzogiorno e dopo aver pranzato al sacco, i pellegrini parteciperanno alle 14 alla celebrazione eucaristica presieduta dal cardinale Bassetti. Il treno del rientro partirà dalla stazione vaticana alle 16.30, con fermate a Orte, Orvieto, Fabro e giungerà a Chiusi alle 19.

© Riproduzione riservata

ARGOMENTI: