martedì 19 maggio 2015
"Tacere davanti a persecuzione dei cristiani sarebbe diventarne conniventi". Lavoro, parità di genere, divorzio breve. (IL TESTO)
Servizio alla gente non ideologia di F. Ognibene I Noi laici spronati dalle parole del Papa

Una Veglia di preghiera in vista del Sinodo sulla famiglia, da celebrare sabato 3 ottobre prossimo in piazza San Pietro: è la prima notizia che il cardinale Angelo Bagnasco, presidente della Cei, ha voluto dare durante la lettura della Prolusione all'Assemblea dei vescovi in corso fino a giovedì a Roma. (IL TESTO INTEGRALE DELLA PROLUSIONE)

L'assise si era aperta ieri con il discorso di Papa Francesco, in cui il santo Padre ha esortato i vescovi e in generale i cristiani a non essere timidi nella denuncia della corruzione che impoverisce la società, le persone, le comunità cristiane.

"Il mondo procede nella storia tra luci e ombre: luci di progresso, ombre di regresso. Come credenti, vediamo il bene sconfinato che circola sulla terra, quello visibile e - molto di più - quello che non si vede perché è nelle pieghe dei cuori e del quotidiano. Se la terra non implode è grazie non tanto alle Carte dei Potenti, ma all'eroismo nascosto e concreto degli umili", ha detto Bagnasco. Dalla Cei un aiuto di 3 milioni di euro alle popolazioni del NepalBagnasco poi ha informato che la Cei "si era già aggregata alla solidarietà del mondo con tre milioni di euro, prelevati dall'otto per mille" per le popolazioni del Nepal colpite dal terremoto, che "vanno così a incrementare i 22 milioni della Comunità internazionale. Grazie alla provvidenza dell'otto per mille si possono fare questi interventi e altri ancora in Italia e nel mondo in via di sviluppo: mense, dormitori, scuole, dispensari, ospedali, oratori per i ragazzi, esperienza di micro-credito".  Non spegnere riflettori su persecuzione cristiani Dal Nepal al Medio Oriente: "Spegnere i riflettori e stare in silenzio, lasciando che la carneficina continui, sarebbe diventarne conniventi, colpevoli di fronte al tribunale di Dio e della storia. Sarebbe l'ennesima prova della cattiva coscienza dei potenti". Lo ha detto a proposito delle persecuzioni dei cristiani, il card. Angelo Bagnasco, che ha chiesto che "non subentri l'abitudine e l'indifferenza dinanzi alla brutalità omicida" e ricordato la grande preghiera per i cristiani, il prossimo 23 maggio. Occorre isolare il fanatismo omicida dell'Is "con una reiterata condanna: nessuno giustifichi con le parole o il silenzio". Il nostro amato Paese"Non possiamo ora non guardare con rinnovato amore al nostro Paese. La preoccupazione fondamentale della gente resta l'occupazione: i segnali di ripresa sembrano essere reali nella macroeconomia, ma la disoccupazione resta la piaga del nostro tempo. Non di rado, noi pastori restiamo meravigliati di come in tale situazione molte famiglie riescano a tirare avanti". Vivere con la gente"Vivere con la gente è la missione della Chiesa: insieme ai nostri amati sacerdoti, siamo i primi a vivere questa grazia per cui gioie e dolori del nostro tempo sono gioie e dolori, speranze e preoccupazioni di noi tutti. Per questa ragione, per conoscenza diretta e personale, se da una parte ascoltiamo i messaggi di svolta e di fiducia che provengono da politici ed esperti, dall'altra non vediamo i disoccupati diminuire, né i giovani entrare finalmente nel mondo del lavoro."."Nessuno faccia affidamento sull'arte dell'arrangiarsi""Gli esperti dicono che sono necessarie visioni industriali di ampio respiro, logiche non dominate dalla finanza, che mirino a rilanciare le eccellenze italiane: queste sono concupite da molti occhi stranieri, che a volte ne sono ormai già diventati padroni. Sanare vuol dire innovare. Sullo sviluppo, sulla continua e veloce innovazione, è necessario che i politici concentrino tutte le loro energie e il loro tempo: di questo dovranno rendere conto severo ai cittadini che li hanno eletti".

"Di questo, che è il problema vero, più urgente e drammatico, della gente: nessuno faccia affidamento sull'arte dell'arrangiarsi che, come la storia insegna, porta facilmente su vie pericolose che vanno ad aggiungere altri gravissimi problemi per i singoli, le famiglie, la tenuta sociale".Expo rappresenti occasione per l'ItaliaÈ questa la vera bandiera da guardare oggi e per cui impiegare ogni energia, non altre che sono chiaramente di parte e non urgenti. La gente guarda e attende. Vogliamo sperare che la grande vetrina dell'Expo di Milano rappresenti un'occasione perché l'Italia, offrendo il meglio di sé, possa essere apprezzata e valorizzata a livello mondiale nella sua bellezza, creatività e affidabilità produttiva".
Migranti, da Ue segnale positivo ma non basta Apprezzamento moderato per l'Agenda Europea per l'immigrazione con la quale la Ue sembra "aver dato un colpo, quello che da anni si è atteso e forse si doveva pretendere", un "segnale dunque apprezzabile, ma avaro"; "orrore", invece, per i delitti degli scafisti, "criminali dell'umanità, disposti a uccidere con lucida e cinica programmazione", e "dolore per la tragedia senza fine di tanta povera gente costretta a trasformare la vita in una fuga verso l'ignoto, prima lungo il deserto e sul mare per canali sconosciuti, e poi sulla terra ferma". Secondo Bagnasco, "è evidente che l'accoglienza umanitaria vada sempre accompagnata dalla legalità e dalla sicurezza di tutti; ed è evidente che all'accoglienza deve corrispondere coscienza e disponibilità". La colonizzazione ideologica del "genere"Prevedere l'insegnamento della parità di genere negli istituti scolastici sembra "rappresentare l'ennesimo esempio di quella che Papa Francesco ha definito colonizzazione ideologica". "Educare al rispetto di tutti, alla non discriminazione e al superamento di ogni forma di bullismo e di omofobia è doveroso, lo abbiamo sempre affermato: rientra nei compiti della scuola - premette Bagnasco -. Ma l'educazione alla parità di genere, oggi sempre più spesso invocata, mira in realtà ad introdurre nelle scuole quella teoria in base alla quale la femminilità e la mascolinità non sarebbero determinate fondamentalmente dal sesso, ma dalla cultura".Il "divorzio breve" diventato legge "Si puntava sul divorzio lampo - dice - e su questo si ritornerà non appena i venti saranno propizi. Ma sopprimere un tempo più disteso per la riflessione, specialmente in presenza di figli, è proprio un bene? Si favorisce la felicità delle persone o si incentiva la fretta?". "Il testo di legge in questione ancora una volta conferma la configurazione delle unioni civili omosessuali in senso paramatrimoniale. Tale palese equiparazione viene descritta senza usare la parola 'matrimonio', ma in modo inequivocabile: 'le disposizioni contenenti le parole 'coniuge', 'coniugi', 'marito' e 'moglie', ovunque ricorrano nelle leggi, nei decreti e nei regolamenti, si applicano anche alla parte della unione civile tra persone dello stesso sesso'. Questa equiparazione riguarda anche la possibilità di adozione, che per ora si limita all'eventuale figlio del partner". E' perciò "evidente che - come è successo in altri Paesi - l'adozione di bambini sarà estesa senza l'iniziale limitazione. Così come è evidente, ancora alla luce di quanto accade altrove, che presto sarà legittimato il ricorso al cosiddetto 'utero in affitto', che sfrutta indegnamente le condizioni di bisogno della donna e riduce il bambino a mero oggetto di compravendita".
© Riproduzione riservata

ARGOMENTI: