venerdì 23 giugno 2017
Dal 30 giugno al 2 luglio nell’area Expo. Sorgerà anche un "Villaggio olimpico"
Olimpiadi degli oratori Sfida per 3mila ragazzi

È un legame forte, quello tra lo sport e il mondo oratoriano, un rapporto che a partire da quest’anno avrà il suo momento clou nelle Olimpiadi degli Oratori, che si svolgeranno nell’ex Area Expo da venerdì 30 giugno a domenica 2 luglio. 2.800 giovani provenienti da cento oratori lombardi e coadiuvati da 200 volontari, daranno vita a 48 ore di gare in 13 attività sportive su di un’area di 1,5 km. La kermesse (di cui Avvenire è media partner) prenderà il via venerdì prossimo alle 18.00 con l’apertura di un vero e proprio villaggio olimpico (i ragazzi dormiranno nell’area Expo con le loro tende e sacchi a pelo), per poi assistere all’accensione della "fiaccola olimpica", prima di uno spettacolo serale.

Sabato e domenica via alle gare delle principali discipline olimpiche, fino alla cerimonia di chiusura prevista per il pomeriggio del 2 luglio. «Gli oratori sono una delle eccellenze lombarde – ha commentato don Samuele Martelli, presidente del Fom –. Non a caso i nostri centri giovanili accolgono un numero di ragazzi dieci volte superiore ai centri estivi comunali. Due terzi dei nostri oratori, inoltre, vedono la presenza di un’attività sportive organizzata dal Csi e questa delle Olimpiadi è l’ennesima prova della bontà della nostra offerta educativa».


«Tutti siamo cresciuti in oratorio e quindi non potevamo che vedere di buon occhio un’iniziativa come le Olimpiadi degli Oratori – ha ribadito il presidente regionale Roberto Maroni –. Speriamo che siano le prove generali, una sorta di anticipo delle Olimpiadi vere a Milano». Il Coni ha infatti candidato Milano e la Valtellina ai giorchi olompici invernali 2028. E quella delle Olimpiadi «sarebbe – ha aggiunto Maroni – una bella sfida e noi sappiamo vincere le sfide, come abbiamo dimostrato con Expo». «Potremmo dotare il territorio di tante strutture sportive – ha spiegato Maroni – che poi rimarrebbero e sarebbero usate».


Nel corso della riunione di giunta svoltasi a Palazzo Italia, nell’ex area Expo, infatti, Regione Lombardia ha rinnovato il finanziamento da 770mila euro destinato agli oratori del territorio, per una serie di progetti di aggregazione giovanile. Buone notizie per i 2.300 oratori lombardi, che in questi primi giorni d’estate stanno ospitando almeno 400mila bambini.In particolare, le risorse serviranno a finanziare la formazione di una serie di giovani selezionati, i quali svolgeranno una sorta di servizio civile negli oratori. Lo scorso anno furono 287 i giovani coinvolti, i quali hanno preso servizio in 247 parrocchie di 11 diocesi. Sempre a favore dei giovani lombardi, Regione Lombardia ha stanziato altri 2 milioni di euro per la "dote sport 2017".

Un provvedimento che permetterà a più di 10mila famiglie (lo scorso anno furono 10.573, di cui 610 con disabili), di pagare le rette dei corsi sportivi dei bambini tra i 6 e i 17 anni. Tra i requisiti per ottenere il rimborso delle spese sostenute: la residenza in Lombardia di uno dei genitori da almeno 5 anni e un Isee inferiore a 20mila euro.

La giunta lombarda ha infine stanziato altri 350 mila euro per finanziare una serie di progetti speciali per la promozione e la valorizzazione della pratica sportiva, sia con l’obiettivo di promuovere il benessere psico-fisico, sia per progetti di inclusione, responsabilità sociale, superamento del disagio e recupero di comportamenti devianti.

© Riproduzione riservata