Nuova procedura a Milano. Donazione organi, consenso più facile


giovedì 7 gennaio 2016
​Da lunedì entra in vigore a Milano una nuova procedura che coinvolge gli sportelli anagrafici del Comune. In Italia 9.381 persone attendono un trapianto.
Donazione degli organi, a Milano da lunedì sarà più semplice dare il proprio consenso. Basterà fare una firma in occasione del rinnovo o del rilascio della carta di identità in tutti gli sportelli anagrafici del Comune. Questa nuova procedura è stata presentata oggi dagli assessori Franco D'Alfonso e Pierfrancesco Majorino. L'iniziativa "Donare gli organi: una scelta in Comune" è stata resa possibile grazie all`adesione del Comune di Milano al protocollo d'intesa tra Regione Lombardia e Centro Nazionale per i Trapianti, Federsanità-Anci, Anci Lombardia, Associazione italiana per la donazione di organi, tessuti e cellule - Aido e Associazione Nord Italian Transplantprogram - NITp. Da lunedì 11 gennaio, quindi, tutti i cittadini milanesi maggiorenni potranno esprimere il sì o il no alla donazione di organi e tessuti al momento del rilascio o del rinnovo della carta di identità in tutti gli sportelli anagrafici presenti sul territorio. Al momento del rilascio del documento sarà possibile, senza alcun obbligo, sottoscrivere il modulo indicando la propria volontà. La dichiarazione sarà conservata dall'ufficio anagrafico e inviata telematicamente al Sistema informativo trapianti per consentire la registrazione entro 24 ore. Ogni cittadino potrà modificare la propria volontà in qualsiasi momento con una dichiarazione successiva da effettuarsi nel proprio distretto Asl. Finora sono oltre 96mila i milanesi che hanno dato la disponibilità alla donazione su un totale 403mila in Lombardia. I trapianti eseguiti nel 2015 presso le strutture ospedaliere milanesi sono stati 390 su 718 a livello regionale. In Italia sono 9.381 le persone che attendono un trapianto e circa 1.600.000 gli italiani che hanno già espresso la loro disponibilità alla donazione.
© Riproduzione riservata

ARGOMENTI:

Attualità

Marco Tarquinio
Le Ong impegnate nel Canale di Sicilia sono gli occhi che rischiamo di non avere più, sono le mani che non possiamo lasciare inerti, alimentano consapevolezze nelle coscienze d'Europa