lunedì 29 aprile 2019
Tra loro anche 68 minori, dei quali 46 non accompagnati, e 60 donne. La decisione del governo legata alla situazione sempre più difficile del Paese nordafricano. Ora un «corridoio umanitario europeo»
I migranti messi in salvo dalla Libia scendono dall'aereo a Pratica di Mare (Le foto sono di Ansa e Lapresse)

I migranti messi in salvo dalla Libia scendono dall'aereo a Pratica di Mare (Le foto sono di Ansa e Lapresse)

COMMENTA E CONDIVIDI

Il piccolo Daimon ha 7 mesi ed è nato in un carcere libico, dove sua madre era trattenuta. Ora sorride, in braccio a mamma Ghenet, mentre scende la scaletta dell’aereo appena atterrato sulla pista della base militare di Pratica di Mare, prima tappa del suo viaggio verso una nuova vita, lontano dagli stenti e dalle angherie dei centri di detenzione e dalle violenze del conflitto in Libia. Dopo di loro, altre coppie con neonati in braccio e un nugolo di bambini e ragazzini, 68 in tutto fra cui 46 "non accompagnati", come si dice in burocratese, ossia senza genitori o parenti ad accudirli.

Si scende in Italia finalmente

Si scende in Italia finalmente

Sono 147 i profughi dal velivolo, accompagnati da personale dell’Acnur e accolti dal sottosegretario all’Interno Stefano Candiani.

«Si tratta di un’evacuazione umanitaria – puntualizza Candiani –, arriva per via aerea chi necessita di protezione, dopo le verifiche dell’Acnur. Ci sono anche 5 neonati». Accanto a lui, c’è Roland Schilling, vice-rappresentante regionale dell’Acnur per il Sud Europa: «Siamo fieri di aver contribuito a rialimentare la speranza di queste persone». È il terzo volo organizzato negli ultimi mesi dal Viminale insieme all’Acnur, dopo le 51 e le 103 persone arrivate in due occasioni in autunno, rispettivamente dal Niger e dalla Libia.
Stavolta, il gruppo è composto da 87 maschi e 60 femmine: 69 vengono dall’Eritrea, 62 dalla Somalia, 6 dal Sudan, 5 dall’Etiopia e altrettanti dalla Siria. Oltre ai 68 minori – spiega una nota del Viminale – ci sono 12 adulti, 23 coppie e 16 fra «nuclei familiari e monoparentali».

I bambini appaiono contenti

I bambini appaiono contenti

I mediatori culturali li salutano in inglese e in arabo e li portano in un hangar per le visite mediche. Vengono da sofferenze tremende. Mohammed Abdul Aziz è somalo e ha 15 anni, dal gennaio 2017 è stato in Libia, racconta di esser stato venduto più volte. Accanto a lui c’è Kufa: dopo aver pagato per partire, è stato rivenduto dai trafficanti ad un’altra banda che voleva altri soldi. Non è riuscito a procurarseli e gli hanno infilato un coltello in un occhio.

Gli adulti verranno ospitati nel Lazio, in strutture individuate dalle prefetture di Roma (a Rocca di Papa, nella comunità "Un mondo migliore" della cooperativa Auxilium , 41 persone), Viterbo (altre 48) e Rieti (12). I minori non accompagnati saranno alloggiati in case di prima accoglienza: 18 a Bojano (Campobasso) e Pesco Lanciano (Isernia); altri 28 nelle strutture della rete "Siproimi" a Bologna, Chieti, Avellino, Pescara. Potranno avanzare richiesta di protezione. Sono stati individuati nei centri libici in base al «criterio della vulnerabilità », spiega Federico Fossi dell’Acnur.

Nell’esecutivo, con Lega e M5s in lite su molti fronti, anche il volo dalla Libia diventa oggetto di frecciate fra M5s e Lega. Ma mentre il governo discute , l’emergenza umanitaria resta. E l’Italia non può fronteggiarla da sola. Così i presidenti della Comunità di Sant’Egidio, Marco Impagliazzo, e della Federazione delle Chiese evangeliche in Italia (Fcei), Luca Maria Negro, hanno scritto al premier Giuseppe Conte, avanzando la proposta di un «corridoio umanitario europeo», dando disponibilità a collaborare alla sua realizzazione, sulla base dell’esperienza realizzata in Italia negli ultimi tre anni.

Ad attenderli non c'era il ministro dell'Interno Matteo Salvini, per "sopravvenuti impegni", come ha fatto sapere il Viminale. Al suo posto di Salvini il sottosegretario all'Interno, Stefano Candiani (ndr).

Il sottosegretario Stefano Candiani ed il responsabile dell'unhcr Roland Schilling in attesa dei 147 rifugiati all'aeroporto di Pratica di Mare (Lapresse)

Il sottosegretario Stefano Candiani ed il responsabile dell'unhcr Roland Schilling in attesa dei 147 rifugiati all'aeroporto di Pratica di Mare (Lapresse)

Leggi anche: L'appello di papa Francesco per i corridoi umanitari dalla Libia

© Riproduzione riservata
COMMENTA E CONDIVIDI

ARGOMENTI: