martedì 13 agosto 2019
Alle 10 la Messa di suffragio celebrata dal cardinale Bagnasco, con i parenti delle vittime, alla presenza di Mattarella e del premier Conte. Le altre manifestazioni
Lapresse

Lapresse

COMMENTA E CONDIVIDI

Luoghi diversi per commemorare il primo anniversario del crollo del ponte Morandi, domani, 14 agosto. Mentre la cerimonia ufficiale con il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, il premier Giuseppe Conte, i vicepremier Luigi Di Maio e Matteo Salvini, e l’arcivescovo di Genova, cardinale Angelo Bagnasco, si terrà, a partire dalle 10, in un capannone nei pressi del luogo dove sta nascendo la nuova pila nove del viadotto e dove ci saranno molti familiari delle vittime, per partecipare a una Messa di suffragio, gli sfollati, come tutti i mesi si ritroveranno per perpetrare il rito del lancio di 43 rose bianche nel torrente Polcevera accompagnato da 43 rintocchi di campana tibetana. Due maxischermi saranno montati in via 30 giugno per permettere ai cittadini di assistere alla commemorazione.

A Certosa, alle 11.36 momento del crollo, i commercianti si riuniranno in piazza Petrella, per un minuto di silenzio. In quel momento tutte le campane delle chiese suoneranno a lutto. Nel pomeriggio i familiari delle vittime si riuniranno, sempre nei pressi del cantiere della pila 9, per un momento privato: incontreranno i soccorritori per ringraziarli donare delle targhe ricordo. E sempre nel pomeriggio è prevista una riunione del comitato degli sfollati. Intanto, il quotidiano genovese, Il Secolo XIX, sarà in edicola con un numero speciale firmato, per l’occasione, dall’architetto Renzo Piano, direttore per un giorno. Già oggi il quotidiano ospiterà un intervento di Papa Francesco.

Domani, invece, gli articoli, i reportage, i contributi di scrittori e giornalisti anche di altre testate che hanno accettato di scrivere una testimonianza per il Secolo, saranno accompagnati dalle immagini di Massimo Sestini, che ha immortalato in una serie di scatti di grande effetto gli uomini che stanno costruendo il nuovo ponte, il quartiere teatro della tragedia, il cantiere della Valpolcevera. Sestini ha anche sorvolato in elicottero, la città realizzando con una tecnica innovativa delle immagini a 360 gradi che regalano una prospettiva inedita e suggestiva.

GLI ALTRI ARTICOLI SUL PONTE MORANDI

© Riproduzione riservata
COMMENTA E CONDIVIDI