mercoledì 15 settembre 2021
Presentato il programma della XXXIII edizione dal 14 al 18 ottobre, con spazi ampliati e il 97% degli editori confermati, eventi in presenza e online. Tra gli ospiti Atwood, Cercas, Morin, Perrin
Nicola Lagioia, direttore del Salone internazionale del Libro, presenta la XXXIII edizione

Nicola Lagioia, direttore del Salone internazionale del Libro, presenta la XXXIII edizione - Lapresse

COMMENTA E CONDIVIDI

È stato presentato ufficialmente oggi alle Ogr il programma del Salone del Libro di Torino, che si terrà dal 14 al 18 ottobre e si potrà trovare online dal 25 settembre. "Vita Supernova" sarà il tema di questa XXXIII edizione, la prima dal vivo dopo il Covid e «tra le più ricche di sempre», come dice Giulio Biino, presidente della Fondazione Circolo dei Lettori, nel suo intervento: «Nel momento più duro della pandemia – continua Biino – ci siamo aggrappati alla cultura, la più importante delle sfide, soprattutto in questo clima di ritrovata fiducia nel futuro che il Paese sta vivendo».

Tornano quindi ad animare il Lingotto scrittori e scrittrici, oltre agli stand degli editori, gli incontri, i seminari, le lezioni, le letture, i concerti, gli spettacoli. Per favorire il distanziamento, la superficie complessiva del Salone è stata ampliata: ci saranno quattro nuove sale negli spazi del Centro Congressi, tra le quali l’Auditorium da 600 posti, per un totale di 10 nuove sale convegni di cui una, la Sala Bianca, nello spazio esterno al Padiglione 3, così come il palco di SalTo Live, nel piazzale dell'Oval. Gli eventi nelle sale a maggior capienza, segnalati in programma, saranno soggetti a prenotazione online sulla piattaforma digitale SalTo+, come spiega Silvio Viale, presidente dell’associazione Torino Città del Libro: «Il mio grazie più grande va agli editori. Sarà un Salone vero, con il 97% di editori confermati. Nella speranza la pandemia venga superata in modo definitivo, torneremo a maggio nel 2022, ma nel frattempo il Salone al tempo del Covid avrà a sistema tutte le norme di sicurezza necessarie, con 18 mila metri quadri in più per garantire il distanziamento».

Un’anteprima del Salone del Libro precederà di alcuni giorni l’apertura del programma al Lingotto. Grazie alla collaborazione con la Fondazione Bottari Lattes, domenica 3 ottobre al Centro Congressi Lingotto a partire dalle 15.30, sono attesi tre grandi autori internazionali, in Italia per il Premio Lattes Grinzane: Margaret Atwood, Maylis de Kerangal e Kader Abdolah, ma ad aprire l’edizione vera e propria, giovedì 14 ottobre, sarà Chimamanda Ngozi Adichie. Tra gli ospiti più attesi, poi, André Aciman, Javier Cercas, Alicia Giménez-Bartlett, Edgar Morin, Mathias Énard, Valérie Perrin e tanti altri. «Queste – spiega il direttore Nicola Lagioia – sono alcune delle menti più brillanti della nostra epoca e ci racconteranno come leggono e come sentono questo tempo complicato, ma soprattutto come immaginano il futuro. Il libro è cresciuto e ci ha insegnato una cosa: a problemi complessi bisogna dare risposte complesse».

Tra gli altri ospiti, molte voci nuovi dal mondo della letteratura e non solo: il Premio Strega Emanuele Trevi e il Campiello Giulia Caminito, ma anche i festeggiamenti per i 120 anni di Laterza, un focus su come sarà l’informazione del futuro e uno spazio ai fumetti.

Grazie al Premio Mondello Internazionale, inoltre, arriverà a Torino anche Michel Houellebecq. Sono infine attesi al Lingotto, come da tradizione, i finalisti del Premio Strega Europeo: Ana Blandiana, Aixa de la Cruz, Georgi Gospodinov, Hervé Le Tellier, Anne Weber, oltre alla vincitrice dell’edizione 2020 Judith Schalansky. Tra gli altri, parteciperanno in collegamento video David Quammen, il Nobel Daniel Kahneman, Paula Hawkins, Joyce Carol Oates e Marilynne Robinson.Non mancheranno infine i percorsi tematici curati dai consulenti editoriali del Salone, gli incontri professionali curati dalle associazioni di categoria, gli incontri con le scuole e gli appuntamenti diffusi in città con il Salone Off.

© Riproduzione riservata
COMMENTA E CONDIVIDI

ARGOMENTI: