sabato 2 marzo 2019
Risolvere problemi complessi con il pensiero computazionale: la programmazione visuale si diffonde nelle scuole. Bogliolo: «Non è una disciplina, ma un metodo che si presta a varie applicazioni»
Bambini praticano il coding in classe

Bambini praticano il coding in classe

COMMENTA E CONDIVIDI

In principio fu Ada Lovelace, nata nel 1815 dal brevissimo matrimonio fra il poeta Lord Byron e la matematica Anne Isabella Milbanke. Cresciuta con la madre, sviluppò subito il fascino dei numeri e della scienza. Cominciò a studiare le abitudini della sua gatta, progettò un sistema che le permettesse di volare, poi osservò il moto di Giove. Quando incontrò Charles Babbage che stava lavorando alla realizzazione della sua “Macchina analitica”, una sorta di computer ante litteram, scattò subito una stretta collaborazione. Lo scienziato le chiese di tradurre in inglese i lavori del matematico italiano Luigi Menabrea sulla sua macchina, ma Ada andò decisamente oltre, aggiungendo alla traduzione note, appunti e persino un algoritmo per il calcolo dei numeri di Bernoulli. Quell’algoritmo è considerato il primo programma informatico della storia. «Era la prima volta che si separava l’hardware dal software. Babbage non riuscì a completare la sua calcolatrice universale perché la tecnologia non era matura per realizzarla, ma ad Ada bastò l’idea di una macchina programmabile per programmarla. La macchina non esisteva, eppure esisteva il programma per farla funzionare. L’uomo e la sua logica vengono prima della macchina». Parte da lontano, con una storia affascinante e quanto mai esplicativa, Alessandro Bogliolo, docente di Sistemi di elaborazione delle Informazioni presso il Dipartimento di Scienze pure e applicate all’Università di Urbino, per arrivare al concetto di “Coding”, un termine inglese, che va ben oltre la sua traduzione letterale in “codifica” o “programmazione”, e che indica «l’uso di strumenti e metodi intuitivi di programmazione per favorire lo sviluppo del pensiero computazionale». Ovvero la capacità di individuare un procedimento costruttivo, fatto di passi elementari e non ambigui, che porta alla soluzione di un problema. «La programmazione visuale a blocchi, principale strumento di coding – spiega Bogliolo – permette di esprimere un procedimento come concatenazione di blocchi colorati che rappresentano istruzioni elementari da eseguire in sequenza. La descrizione è talmente rigorosa da poterne affidare l’esecuzione a un esecutore “ideale”, privo di intelligenza come robot o computer. La programmazione è un atto creativo assoluto, perché sono solo automatismi quelli separano un programma dalla sua esecuzione». Ne è forse “consapevole” il robot Sanbot che avrebbe dovuto aiutare a snellire le code dei cittadini all’Anagrafe del Comune di Torino, annunciato lo scorso anno come una svolta innovativa, parcheggiato purtroppo in un ripostiglio perché l’amministrazione non ha in organico un programmatore capace di dargli le istruzioni (come riporta la “Stampa” di giovedì scorso). L’esecutore stupido non sa cosa fare. Di fronte a un problema, invece, l’uomo si domanda: come lo risolvo? E se si accende un’idea si chiede: come si realizza?

«Il coding si presta a eccezionali applicazioni pedagogiche – continua l’esperto dell’università di Urbino – perché presuppone (e quindi induce) una comprensione profonda del procedimento che si intende affidare a una macchina». Che siano bimbi o studenti, che frequentino ancora la scuola dell’infanzia o l’università, i campi di applicazione sono innumerevoli. Partiamo proprio dal basso, dai più piccoli. Come ci insegna la storia di Ada Lovelace è possibile praticare il coding anche senza tecnologia, basta l’idea di un esecutore ideale a cui dare istruzioni rigorose. «Esistono tante attività di coding unplugged (senza dispositivi) che hanno la struttura di giochi di ruolo: un alunno si muove su una scacchiera come un robot mentre i compagni danno le istruzioni necessarie a raggiungere lo scopo. Nelle caselle ci può essere di tutto: colori, lettere, numeri. E così facendo si impara, nel rispetto di regole che sono state elaborate, decise e poi condivise ». In altri contesti l’esecutore ideale è un vero e proprio robot. Sul mercato esistono tanti strumenti didattici e tanti giochi educativi, come quelli realizzati da marchi come Lego e Clementoni, pensati proprio per i piccoli programmatori. I mitici mattoncini, possono facilmente prestarsi ad attività di coding, anche senza tecnologie, utilizzando le basi e i pezzi per costruire percorsi e usare gli omini come esecutori. Un modo per sviluppare attività inclusive e fare fronte a bisogni educativi speciali, come ben sanno i tanti insegnanti di sostegno che applicano queste strategie. Ci sono poi innumerevoli app e siti che consentono di praticare coding: fra i più utilizzati e coinvolgenti ci sono sicuramente “Scratch”, “App Inventor” e “Code. org” (con il portale italiano Programma il futuro), che consentono di programmare e realizzare storie interattive, giochi, animazioni, fino alla creazione di veri e propri videogiochi e applicazioni mobili. Senza contare gli input e le opportunità di apprendimento e di gioco che arrivano dai programmi di Rai Scuola Coding o Cody Games.

Una illustrazione dello strumento di coding CodyRoby dalla piattaforma CodeMooc dell'Università di Urbino

Una illustrazione dello strumento di coding CodyRoby dalla piattaforma CodeMooc dell'Università di Urbino

L’efficacia del coding nello sviluppo dei ragazzi è così rilevante che la Commissione Europea dal 2013 ha lanciato una campagna di sensibilizzazione e alfabetizzazione funzionale denominata “Europe Code Week” (la prossima sarà fra il 5 e il 22 ottobre) di cui proprio Bogliolo è coordinatore a livello comunitario, punto di riferimento in Italia per docenti, studenti e genitori attraverso la piattaforma “codemooc.org”, la didattica universitaria aperta per insegnanti e genitori e la pubblicazione di libri. Un volume in particolare, Coding in Your Classroom, Now (Giunti, pagine 96 + XXXII, euro 12,00) è un agile strumento rivolto agli insegnanti per guidarli nell’introduzione del coding in classe, in tutte le classi, adesso.

Un impegno e delle esperienze che stanno dando grandi risultati se si considera che le scuole italiane sono state protagoniste del 45% delle attività organizzate durante l’ultima edizione di Europe Code Week. L’Italia per una volta in testa: nel 2018 sono state oltre 2 milioni e 700 mila le persone di 27 paesi che hanno partecipato agli oltre 43mila eventi; e di questi, 20mila in Italia. Sono decine di migliaia gli insegnanti che si sono formati nel nostro Paese, coinvolgendo oltre un milione di bambini. «Nelle scuole italiane vengono proposte attività straordinariamente innovative e coinvolgenti. Alcune di queste, giustamente, arrivano a fare notizia. Ma la notizia più clamorosa ci dice infatti Bogliolo - è che ogni giorno decine di migliaia gli insegnanti coinvolgono i propri alunni in attività di coding funzionali alla didattica ».

Ma attorno al coding non mancano gli equivoci da cui bisogna sgombrare il campo. Il coding utilizzato nella pratica didattica dagli insegnanti non va confuso con l’uso di tecnologie digitali (abbiamo visto infatti che si può praticare il coding anche senza strumenti), con l’educazione civica digitale (che richiede azioni e competenze specifiche) o con l’insegnamento dell’informatica (che il Consorzio Cini sta proponendo da anni di introdurre nella scuola). «A scuola non esiste l’ora di coding – precisa Bogliolo – perché il coding non è una disciplina a sé. È un metodo, uno strumento nelle mani degli insegnanti che possono decidere di applicarlo alla propria didattica per innescare nuove dinamiche all’interno della classe, favorire il lavoro in gruppo, lanciare sfide, fare squadra, coinvolgere tutti. Il coding praticato ora nella scuola non è programmazione, ma l’uso didattico di strumenti di programmazione. Il coding si pratica, mentre l’informatica (e con essa la programmazione) andrebbero insegnate. Purtroppo questo in Italia non avviene ancora». Così il coding diventa una palestra di logica per i nostri figli. E non solo. Per crescere, giocando. Programmando soluzioni. Per tutto. O quasi. Un po’ come Ada e il suo programma per la macchina (ancora ideale) di Babbage.

Bambini praticano il coding in classe. Sono innumerevoli gli strumenti a disposizione: dalla piattaforma “codemooc.org” dell’università di Urbino all’app Scratch, dai libri ai programmi di Rai Scuola

Bambini praticano il coding in classe. Sono innumerevoli gli strumenti a disposizione: dalla piattaforma “codemooc.org” dell’università di Urbino all’app Scratch, dai libri ai programmi di Rai Scuola


Ora c'è anche il campionato

Dopo il Certamen di latino e le Olimpiadi di Matematica, anche il coding ha la sua sfida: al via il primo Campionato di pensiero computazionale indetto dall’Università di Urbino. Il campionato è riservato agli studenti iscritti agli ultimi tre anni delle scuole secondarie di secondo grado, che possono iscriversi compilando un modulo online, previa registrazione di almeno un insegnante referente della scuola di appartenenza. La scadenza per l’iscrizione è il 31 marzo. Il bando al link codemooc.org /campionato-dipensiero- computazionale/.





© Riproduzione riservata
COMMENTA E CONDIVIDI