mercoledì 7 febbraio 2018
Sebastiano Favero, presidente dell’Associazione Nazionale Alpini, aveva risposto alla battuta di Claudio Baglioni sul Festival di Sanremo. Pronta la replica del direttore artistico.

«Non sarà un raduno degli alpini» aveva detto Claudio Baglioni lunedì in conferenza stampa parlando del suo Festival di Sanremo. E la frittata nazionale è fatta: «Ringraziamo Claudio Baglioni per aver ricordato che Sanremo non è un raduno di Alpini...»: il presidente dell’Ana (Associazione Nazionale Alpini) Sebastiano Favero a Milano, durante una conferenza stampa organizzata sul servizio civile e militare obbligatorio, usa la baionetta. «Non siamo la sotto categoria di un Paese civile: le canzoni degli Alpini vengono dalla trincea e non sono adatte a Sanremo ma sono umanità vera».

Non c'è Sanremo senza polemica ma questa volta al Claudio nazionale non basterà trovare un paio di jeans a Porta Portese per metterli "al posto di questa divisa”. L’Ana non gliela fa passare, ammesso che sia una gaffe, e chiede le scuse del presentatore ricordando il grande contributo che assicura al Paese l’associazione. Matteo Salvini, presente alla conferenza, coglie al volo l’occasione: «Porterò la rivista L'alpino al direttore generale della Rai».

TUTTI GLI ARTICOLI SUL FESTIVAL DI SANREMO

Infine, colpo di scena riappacificatore: Claudio Baglioni intona "Sul cappello che noi portiamo" in sala stampa per farsi "perdonare" dagli alpini che si erano risentiti per la sua frase. "Sono disposto a mettermi una penna pure io. Ho tante divise in famiglia, Esercito e Carabinieri, mi manca quella degli alpini. Fatemi fare il servizio militare con noi" ha detto il direttore artistico oggi in sala stampa intonando canti alpini insieme a Pierfrancesco Favino.

Intervistato da Avvenire, il presidente Favero si dimostra soddisfatto delle scuse del cantautore: «Prendo atto che a Sanremo si è capito che l’associazione nazionale alpini è qualcosa di diverso da un’organizzazione che promuove raduni di ex. Il fatto che l’abbiano trasmesso alla Rai mi conforta e conforterà i nostri iscritti, che dopo le parole di Baglioni mi avevano tempestato di reazioni risentite. Ora, sta bene».

© Riproduzione riservata