Secondo Noi. Se il sogno impossibile diventa «diritto» sulla pelle del più debole


Av sabato 30 agosto 2014
La presidente del tribunale: ma non è un’apertura ai gay
Volevano andare oltre il loro amore lesbico. In sfregio alle leggi, e al normale buon senso, hanno preteso di "sposarsi", acquisendo in qualche Paese facile un pezzo di carta che in Italia non vale nulla. Sono poi tornate all’estero per pagarsi ciò che la legge nel nostro Paese, e la natura, non avrebbero consentito: la vita di un bambino. Non importava quale delle due dovesse partorirlo, era indifferente al punto che hanno scelto sulla base del corpo più giovane. Mancava solo l’ultimo "diritto", essere "mamme" entrambe grazie all’adozione. Ci sono riuscite. «Non è un precedente valido per tutti», ci rassicura il magistrato, ma il danno è fatto ed è enorme. Che succederà quando due uomini si presenteranno con un figlio comprato all’estero, strappato alla donna che lo ha partorito e al suo utero pagato e calpestato? Perché a loro si dovrebbe dire di no?
© Riproduzione riservata

ARGOMENTI:

Opinioni

Gian Carlo Blangiardo
Dopo averci mostrato la fotografia del panorama demografico italiano per il 2016, l’Istat allarga l’orizzonte delle conoscenze e ci presenta una previsione di quelli che saranno ...
Le nostre voci di Marina Corradi
Mentre ci si vezzeggia con le ministre e le sindache, si pretende che la materna facoltà di generare diventi neutra? A me pare un passo in più nell’imperativo del cosiddetto “gender” ...

Opinioni

Marco Tarquinio
L’arbitro ha detto basta, e la melina è finita. L’intervento, morbido ma deciso, del presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha dato ieri lo stop al deludente e sterile ti–tic–ti–toc ...
Leonardo Becchetti
I risultati del primo turno delle presidenziali d’Oltralpe hanno fatto gridare molti europeisti al successo e allo scampato pericolo. Ma se in un Paese come la Francia quasi un quarto degli elettori
Marco Olivetti
Su Europa, partiti, corpi intermedi e linguaggio politico la distanza tra il Movimento e la realtà cattolica è particolarmente alta