sabato 23 giugno 2018
La clinica è stata scoperta a Phnom Penh. Cinque arresti. La pratica è vietata dal 2016, ma i traffici continuano. Alle donne erano stati offerti fino a 10mila dollari
La polizia scopre 33 madri surrogate per «clienti» cinesi

Un raid della polizia cambogiana in una clinica di maternità surrogata illegale a Phnom Penh ha scoperto 33 donne pagate per consegnare bambini per coppie cinesi. Cinque persone, tra cui un cittadino cinese, sono state arrestate durante l'operazione nella capitale, ha detto Keo Thea, capo dell'unità anti-traffico di Phnom Penh.
"Abbiamo trovato 33 madri surrogate, alcune hanno già partorito, alcune sono ancora incinta", ha detto, aggiungendo che alle donne erano stati offerti fino a 10.000 dollari da clienti cinesi per partorire. L'allentamento della Cina della politica del figlio unico iniziato due anni fa ha prodotto una domanda in crescita per le cliniche della fertilità, con cifre che stimano che 90 milioni di donne sono diventate idonee per un altro bambino dopo che la norma è stata gradualmente eliminata. Ma la maternità surrogata è illegale in Cina, costringendo coloro che possono permetterselo a cercare potenziali opzioni all'estero.

L'Asia sud-orientale è stata a lungo una destinazione internazionale di maternità surrogata popolare, con costi medici bassi, una grande quantità di giovani donne povere e nessuna legge che esclude le coppie gay o i genitori single. Ma negli ultimi anni i Paesi della regione hanno represso il commercio, in seguito a una serie di scandali e critiche che negli affari venissero coinvolte e sfruttate le donne più povere. Le autorità cambogiane hanno vietato la pratica nel 2016 dopo che i potenziali genitori cinesi hanno cominciato a indirizzarsi verso il loro Paese a causa del divieto nella vicina Thailandia imposto nel 2015.
"Questo è un altro caso di maternità surrogata, nonostante sia stato bandito", ha detto Keo Thea, aggiungendo che le donne cambogiane sarebbero state inviate al Dipartimento degli Affari Sociali in attesa di un'indagine mentre i cinque sospetti compariranno davanti a un giudice domani.

© Riproduzione riservata

ARGOMENTI: