venerdì 31 marzo 2023
Augusta si salvò, nel 1957, grazie a un complesso intervento eseguito nell'ospedale milanese dai pionieri della cardiochirurgia italiana. Rioperata all'età di 71 anni, sta bene
Augusta da bambina visitata dal professor Angelo De Gasperis al Niguarda di Milano

Augusta da bambina visitata dal professor Angelo De Gasperis al Niguarda di Milano - Collaboratori

COMMENTA E CONDIVIDI

La sua operazione al cuore, eseguita all'ospedale Niguarda di Milano, il 18 novembre 1957 dal professor Angelo De Gasperis, finì sui giornali e fu definita «un'impresa». Augusta aveva 6 anni e soffriva di una cardiopatia congenita complessa, la "trilogia di Fallot". De Gasperis fu il primo in Italia ad operare questa patologia nel 1956, «all'inizio con molti insuccessi, poi con degli interventi palliativi, fino a sviluppare una tecnica efficace», dice il direttore della Cardiochirurgia pediatrica di Niguarda, Stefano Marianeschi, il cardiochirurgo che ha appena rioperato con successo Augusta, a distanza di 66 anni dalla procedura eseguita dal «maestro De Gasperis». Ad Augusta è stata sostituita la valvola polmonare che, a causa dell'insufficienza, le provocava affaticamento anche con un minimo sforzo.

«Augusta fu una delle fortunate che sopravvissero a quei tempi pioneristici - riprende Marianeschi -, fu operata con una toracotomia trasversale che apriva tutto il torace, in circolazione extracorporea femorale con ipotermia profonda». La signora, spiegano dal Niguarda, negli ultimi anni si era sempre rivolta a cardiologi di altri ospedali che le consigliavano di non fare niente e di lasciare le cose come stavano.

La signora Augusta oggi con il cardiochirurgo Stefano Marianeschi, al Niguarda di Milano

La signora Augusta oggi con il cardiochirurgo Stefano Marianeschi, al Niguarda di Milano - Collaboratori

Poi, grazie ad un giro di telefonate, è arrivata all'attenzione della cardiologa pediatra Anna Maria Colli, della Clinica Mangiagalli di Milano, che l'ha subito inviata al Niguarda. «In questi giorni verrà dimessa - sottolinea il direttore della Cardiochirurgia pediatrica dell'ospedale -, e la bimba di 6 anni ritratta nella foto in bianco e nero con il professor De Gasperis, ora è ancora con noi, all'età di 71 anni, felice di aver superato anche questo scoglio. Devo ammettere che al termine dell'intervento, quando la paziente ha ricordato con estrema lucidità quei momenti in ospedale nel 1957, abbiamo provato entrambi una grande emozione. È stata lei stessa a chiedermi una foto, che conserverà con cura accanto a quella del novembre di 66 anni fa».

Una curiosità: Augusta è stata operata nel blocco operatorio del Cardio Center di Niguarda, che oggi è intitolato proprio a De Gasperis; uno di quei pionieri ai quali si deve - negli anni '50 e nello stesso ospedale - la nascita della chirurgia toracica, della cardiochirurgia e della cardiologia moderna italiana.

© Riproduzione riservata
COMMENTA E CONDIVIDI

ARGOMENTI: