Famiglia. Galantino: unioni civili, il rischio di stravolgere la realtà


mercoledì 13 gennaio 2016
“Mi auguro che ci siano parlamentari e pezzi di società che per convinzione personale sappiano prendere iniziative efficaci per impedire soluzioni pasticciate o fughe in avanti fatte passare per conquiste civili”. È quanto auspica monsignor Nunzio Galantino, segretario generale della Cei, in un’intervista al Corriere della Sera, pubblicata oggi,  sul ddl Cirinnà. La Chiesa, assicura, non lascerà soli “quanti nelle sedi opportune e nel rispetto delle proprie competenze vorranno dare un loro contributo costruttivo”, ma “vale quello che ha detto Papa Francesco: cristiani consapevoli non hanno bisogno di vescovi-piloti”. Se si svolgerà un Family Day, il vescovo che vorrà parteciparvi “potrà farlo ma non potrà pretendere che vi partecipino tutti gli altri vescovi”. “Tra i cattolici – riconosce Galantino – ci sono posizioni diverse, ma nessuno di noi auspica una legge che, per garantire i diritti dei singoli e per rispondere a situazioni reali, rischia di stravolgere la realtà. E la realtà è quella di una società italiana che può e vuole contare sul bene inestimabile della famiglia composta da un padre, una madre e dei figli”, anche se “la stessa società registra al suo interno anche la presenza crescente di unioni di segno diverso” cui lo Stato “ha il dovere di dare risposte”. A impressionare negativamente il segretario Cei “è – in alcune situazioni ipotizzate – l’assenza di attenzione nei confronti di quelli che poi subiscono le conseguenze di certe scelte: i bambini! Prendiamo, ad esempio, l’assurdità dell’utero in affitto, come possibilità non troppo remota seppur camuffata. Mi chiedo perché non viene data pubblicità alle tante controversie – non solo giuridiche – che si accompagnano a questa pratica? Ho l’impressione che la nostra società e le soluzioni che attraversano la proposta di legge siano ‘adultocentriche’”.In un altro passaggio dell'intervista al Corriere, il segretario generale della Cei, definisce: «Il testo in circolazione mostra in maniera evidente di essere, come ha detto il professor Mirabelli, un “garbuglio giuridico prima che politico”. Sembra costruito per tenere insieme posizioni altrimenti non componibili; in esso si prospettano soluzioni rappresentative dei vari gruppi politici o meglio dei gruppi di pressione in campo. Sarebbe più serio seguire altre strade per non finire con un testo che è la somma di più egoismi piuttosto che essere una composizione democratica in vista del bene comune! Perché non capire che la stepchild adoption non è necessariamente legata al tema delle Unioni civili e che essa va trattata in altra sede?» «Il problema - ha aggiunto monsignor Galantino - è che alcuni fanno fatica a rinunziare al velo di ipocrisia che avvolge il testo del ddl liberandolo, per esempio, dai continui rimandi al diritto matrimoniale»
© Riproduzione riservata

ARGOMENTI:

Attualità

Marco Tarquinio
Le Ong impegnate nel Canale di Sicilia sono gli occhi che rischiamo di non avere più, sono le mani che non possiamo lasciare inerti, alimentano consapevolezze nelle coscienze d'Europa