mercoledì 12 settembre 2018
Presentati i palinsesti di tv e radio della Cei. All'informazione arriva Paolo Borrometi, giornalista minacciato dalla mafia. E Tv2000Factory, fucina di documentari, sperimenta linguaggi alternativi
Giacomo Poretti, protagonista di Scarp de' Tenis

Giacomo Poretti, protagonista di Scarp de' Tenis

Da Giacomo Poretti a Paola Saluzzi, dal giornalista antimafia Paolo Borrometi a Simone Cristicchi con don Luigi Verdi, dai due nuovi programmi dell’ex Iena Alessandro Sortino ai nuovi doc della neonata Factory, la fabbrica del racconto della realtà di Tv2000. Per l’emittente della Cei, la stagione che va a cominciare si profila di altissimo livello. All’insegna della qualità, delle idee, dell’approfondimento, di un intrattenimento alto e di un approccio problematico e mai superficiale alla realtà. Volti nuovi e, naturalmente, volti e programmi collaudati protagonisti di una fidelizzazione con un pubblico che sempre più sta premiando l’emittente cattolica, ormai nella Top 20 delle tv più viste d’Italia. Forte oltretutto di un vero e proprio boom estivo sul web (con complessivi 145 milioni di visualizzazioni su You Tube registrati a giugno) nonché di una progressiva crescita del numero di spettatori, che vede Tv2000 registrare 100 mila utenti al giorno: ottava tv nazionale al mattino, registra uno share dell’1% nel daytime con un +10,2% sugli ascolti del 2017.

Tv2000

Tv2000

Un palinsesto stagionale presentato ieri sera a Milano, nel suggestivo scenario dei Chiostri di San Barnaba, insieme a quello dell’emittente radiofonica della Cei inBlu.

«Anche quest’anno – ha detto Paolo Ruffini, per quattro anni direttore di Tv2000-InBlu Radio e dal 1° settembre Prefetto del Dicastero vaticano per la Comunicazione – i palinsesti di Tv2000 e di InBlu Radio dimostrano, credo, che un’altra tv è possibile, e che la radio di flusso non è necessariamente una radio di parole perse; che si può parlare il linguaggio del proprio tempo senza per questo essere corrotti da ciò che in ogni tempo consuma la bellezza della relazione. L’ambizione di Tv2000 e di InBlu Radio è sempre stata ed è quella di riuscire ad essere un punto di riferimento per il dibattito culturale del Paese. Questo è ciò che unisce i tanti programmi che ormai sono la storia della nostra tv, con i nuovi, che si innestano in un tronco sempre più solido».

Un tronco i cui multiformi rami nascondono suggestive novità. A partire da Scarp de' Tenis, con protagonista Giacomo Poretti (qui orfano dei compagni di trio, Aldo e Giovanni), che declina in formato tv le storie dell’omonimo giornale di strada che ha preso il nome dalla vecchia canzone di Enzo Jannacci. Spazio quindi a Paola Saluzzi alla conduzione del programma pomeridiano Ora Solare, in onda dal lunedì al venerdì alle 14, e con il documentario in due puntate Alla scoperta del Quirinale. Don Luigi Verdi e Simone Cristicchi sono invece i protagonisti, in accoppiata, di Le poche cose che contano: il fondatore della fraternità di Romena e il poliedrico artista sono diventati amici dialogando sul valore delle cose e l’amore per la bellezza. Alessandro Sortino, che di Tv2000 è stato negli anni scorsi direttore creativo ideando alcuni tra i programmi di maggiore successo tuttora pilastri del palinsesto, torna con due proposte: Così è la vita, infotainment di prima serata, e Le pietre parlano, un percorso sulla storia unica straordinaria che può essere raccontata partendo dalle pietre di Roma. Arriva anche Joe Bastianich, il giudice di Masterchef, con il debutto in chiaro del suo tour musicale On the Road.

Importante ritorno anche quello di don Marco Pozza, il cappellano del carcere di Padova protagonista nella scorsa stagione di Padre nostro, il programma che ha visto la partecipazione di papa Francesco: quest’anno è suo Ave Maria, di cui è coautore e regista Andrea Salvadore. Quindi Beatrice Fazi con la nuova edizione di Beati voi, con la partecipazione di Giovanni Scifoni e Claudia Benassi, sul tema dei Dieci Comandamenti, e il programma sul matrimonio Per sempre, mentre tra le novità Bacaro di Daniele Marcassa con ospite Patrizio Roversi, non più alla conduzione di Linea verde su Rai 1. Confermati invece da Tv2000 tutti i più popolari volti della rete: Licia Colò con Il mondo insieme la domenica pomeriggio, Cesare Bocci con Segreti, Michele La Ginestra con due spettacoli teatrali M’accompagno da me e Come Cristo comanda, Luigino Bruni ed Eugenia Scotti con Benedetta economia, Andrea Monda con Buongiorno professore e Arianna Ciampoli.

Una grande novità è poi Tv2000Factory, fucina di documentari che sperimentano linguaggi alternativi, nuove tecnologie e un doppio binario del racconto. Ogni documentario infatti è accompagnato da un webdoc che integra la storia raccontata e segue i protagonisti anche dopo la fine delle riprese attingendo anche agli strumenti e al linguaggio dei social. Tra i prodotti della Factory: Il viaggio di Mohammed dello scrittore Eraldo Affinati, con la regia di Giuseppe Carrieri, Made by Iraqi Girls e L’estate più bella con la regia di Gianni Vukaj e Terramater di Antonio Montesanti e Sofia Rinaldo.

Ma è sul terreno dell’informazione l’altra grande e coraggiosa novità dell’emittente con l’arrivo di Paolo Borrometi, il giornalista sotto scorta per le minacce ricevute dalla mafia dopo le sue inchieste. Borrometi realizzerà servizi e inchieste sui temi a lui più cari: quelli di denuncia “con nomi e cognomi” di infiltrazioni mafiose nel territorio e storie positive, di riscatto dai lacci della criminalità e di solidarietà. Il cronista collaborerà con il Tg2000 e sarà impegnato anche all’interno del programma Ora Solare condotto dalla Saluzzi.

«Altra novità – annuncia il direttore dell’informazione di Tv2000, Lucio Brunelli – la partenza, ogni venerdì alle 20.45, di una nuova rubrica settimanale Guerra e pace: l’approfondimento del fatto più importante della settimana sulla scena internazionale con l’aiuto di analisti di diverso orientamento». A condurlo Antonio Soviero. «Il Dna della nostra emittente – sottolinea l’amministratore delegato, Massimo Porfiri – è entrare dentro la vita quotidiana per raccontarla con passione e discrezione al tempo stesso, con spirito di condivisione e contemporaneamente con obiettività, con sano realismo e altrettanta poesia, questo sia che si faccia informazione sia che si produca intrattenimento».

Radio inBlu

Radio inBlu


Più informazione e nuovi programmi anche a inBlu, su cui vanno in onda ben undici edizioni quotidiane del giornale radio. Tra i protagonisti della nuova stagione, il cantautore Eugenio Finardi con La musica è ribelle (programma di informazione che racconterà 40 anni di musica) e Licia Colò (insieme al marito Alessandro Antonino) con Dio li fa e poi li accoppia.

Sul versante dell’informazione religiosa sempre in onda Ecclesia, un programma in diretta sui principali eventi della Chiesa. Infine si rafforza anche la WebRadio, a cura di Paolo Prato, con canali tematici on demand contenenti musica e cultura. Inoltre una libreria gratuita online con migliaia di contenuti a portata di mano. Si può accedere al servizio dal portale dedicato: webradio.radioinblu.it.

Leggi anche: La bellezza del sacro raccontata da padre Rupnik



© Riproduzione riservata

ARGOMENTI: