giovedì 16 gennaio 2020
Accanto al conduttore a turno 10 donne. La prima a intervenire sarà Jula Jebreal, che parlerà di violenza di genere. Lui insiste sulla "bellezza", travolto dalle critiche: sono stato frainteso
Da sinistra a destra Francesca Sofia Novello, Antonella Clerici, Emma D'Aquino, Diletta Leotta e Laura Chimenti, alcune delle donne che affiancheranno Amadeus durante le serate del 70esimo Festival della Canzone Italiana

Da sinistra a destra Francesca Sofia Novello, Antonella Clerici, Emma D'Aquino, Diletta Leotta e Laura Chimenti, alcune delle donne che affiancheranno Amadeus durante le serate del 70esimo Festival della Canzone Italiana - Ansa

COMMENTA E CONDIVIDI

“Della violenza sulle donne occorre parlare tutti i giorni. Farlo dal palco di Sanremo è quindi importante. Appoggeremo quello che dirà Rula”. La giornalista del Tg1 Emma D’Aquino e di Sky Diletta Leotta spiegano ad “Avvenire” che appoggeranno il messaggio che la loro collega Rula Jebreal lancerà all’avvio del Festival di Sanremo 2020, martedì 4 febbraio. Leotta e D’Aquino sono due delle dieci donne che accompagneranno a turno alla conduzione il direttore artistico del festival Amadeus, che martedì 14 le ha presentate nella tradizionale conferenza stampa nella città dei Fiori. E tra le splendide rose rosa screziato erano presenti, quindi, Antonella Clerici, Diletta Leotta, Emma D'Aquino, Laura Chimenti, Francesca Sofia Novello.

Video

"È confermata anche la presenza di Monica Bellucci, la seconda sera", annuncia Amadeus, “Ci saranno anche Rula Jebreal, Sabrina Salerno, la conduttrice albanese Alketa Vejsiu, Mara Venier e Georgina Rodriguez". Il sabato della finalissima scenderà la scalinata dell’Ariston anche Mara Venier.

L'enfasi con la quale Amdeus ha sottolineato la bellezza delle ospiti non è passata inosservata. Nemmeno la frase sulla fidanzata di Valentino Rossi, Francesca Sofia Novello, della quale ha detto di "averla scelta per la bellezza, ma anche per la capacità di stare accanto a un grande uomo, stando un passo indietro". Affermazioni che hanno incendiato i social, con il moltiplicarsi di accuse di superficialità e di sessismo. Amadeus si è difeso sostenendo di essere stato frainteso: "Quel 'passo indietro' si riferiva alla
scelta di Francesca di stare fuori da riflettori che inevitabilmente sono puntati su un campione come Valentino".

Scuse che non sono bastate a Valeria Valente, senatrice e presidente Pd della Commissione sui femminicidi. "Un'edizione con una cospicua e autorevole presenza femminile - ha scritto su Facebook - lasciava davvero ben sperare. Ma una donna non è mai la 'scommessa' di un uomo, come lui ha detto di Francesca Sofia. Siamo anzi certe che lei dimostrerà di essere capace di stare due passi avanti, e non uno indietro. La riflessione da fare però riguarda questo linguaggio sessista e il pensiero che esprime. C'è ancora tanta strada da fare e l'ad della Rai Salini farebbe bene a prendere le distanze da un simile atteggiamento".

Gli ospiti

Tra gli ospiti ci saranno anche la popstar Dua Lipa, Louis Capaldi e Johnny Dorelli, “che ha fatto la storia della musica italiana” aggiunge Amadeus. Confermati poi Massimo Ranieri che canterà con Tiziano Ferro (presente tutte le sere), Mika e Salmo che terranno anche concerti in piazza fuori dal teatro, in una città sempre più coinvolta. "Su altri nomi stiamo lavorando per chiudere i contratti - aggiunge il direttore artistico -: vorremo Al Bano e Romina, con il loro primo inedito insieme dopo 25 anni, Zucchero e Ultimo. Speriamo di averli".

"Ho incontrato Rula Jebreal la prima volta a settembre", ha raccontato Amadeus in conferenza stampa. "Volevo una giornalista internazionale che parlasse di donne. Come sapete - ha aggiunto alludendo alle polemiche dei giorni scorsi - mi occupo di spettacolo e non di politica, nel mio Sanremo è lo show che deve prevalere. Cercavo una persona dal sapore e dall'esperienza internazionale che parlasse di donne: quando si accusa la violenza, penso che non ci sia colore della pelle, ceto sociale o appartenenza politica che tenga. La donna va rispettata ovunque nel mondo".

Unica donna assente oggi, Teresa De Santis, la direttrice di Rai1 che ha imbastito questo Festival e che è stata rimossa a sorpresa ieri dall’ad Rai Salini che ha presentato oggi al cda le nuove nomine. “Non è mai successo prima una cosa del genere a ridosso del Festival, ma l’azienda è molto forte, ha gli anticorpi, I meccanismi e le procedure per sopravvivere in piena salute”, ha confermato il vicedirettore della rete ammiraglia Claudio Fasulo, da anni capostruttura del Festival, che quest’anno, oltre ai 24 Big e agli 8 Giovani in gara, sfodera star come Rosario Fiorello che appoggerà tutte le sere, tranne giovedì quando sarà ospite Roberto Benigni, Amadeus, amico dai tempi di Radio Deejay. Altre sorprese arriveranno in corso d’opera.

Il Dopofestival scompare e diventa L’Altro Festival su Rai Play, un salotto dove gli artisti in gara si racconteranno introdotti da Nicola Savino e accompagnati musicalmente dal trio “I Gemelli di Guidonia” fattosi notare da Fiorello a “Viva RaiPlay”.

Importante novità, il Festival di Sanremo, trasmesso anche da Radio 2, quest’anno sarà totalmente accessibile, totalmente tradotto (canzoni comprese) per i non udenti nella lingua dei segni su un apposito canale su Rai Play e totalmente sottotitolato per i non udenti sul digitale terrestre.

© Riproduzione riservata
COMMENTA E CONDIVIDI