martedì 21 maggio 2019
L'ex pilota ricorda il campione austriaco scomparso, tra vicende sportive e personali. L'incontro negli anni 60, la rivalità in Ferrari, la competizione in pista, l'incidente e la "seconda vita"
Arturo Merzario con Niki Lauda al Gran Premio di Monza nel 2015

Arturo Merzario con Niki Lauda al Gran Premio di Monza nel 2015

COMMENTA E CONDIVIDI

È morto a 70 anni, in una clinica svizzera, l'ex pilota austriaco Niki Lauda, leggenda della Formula 1 tre volte campione del mondo. Nato a Vienna il 22 febbraio del 1949, Lauda vinse tre titoli mondiali nel 1975, nel 1977 e nel 1984 con McLaren e Ferrari. Rimase gravemente ustionato in un incidente quasi fatale nel 1976.

L'avversario in pista è un nemico da battere. Se poi quel nemico è colui che ti ha soffiato il posto l'anno prima in una squadra che amavi, diventa doppiamente nemico e devi distruggerlo. Era la filosofia degli anni 70 in F1 e Arturo Merzario era uno che il nemico lo conosceva bene: Niki Lauda.

L'austriaco, infatti, su consiglio di Clay Regazzoni, arrivò alla Ferrari togliendo il posto proprio a Merzario, che dovette cercare un'altra macchina per la stagione 1974. Due anni dopo, pista del Nurburgring, mentre Lauda con la Ferrari di Merzario aveva vinto un mondiale e stava dominando il secondo, l'incidente. Niki che si schianta al Berckweck, una curva infida del tracciato. La Ferrari prende fuoco, viene centrata da altri piloti e l'unico che si getta fra le fiamme a salvare il pilota austriaco fu proprio lui: Arturo Merzario. Il pilota che ha dato una seconda vita a Niki Lauda: «Mi buttai tre volte fra le fiamme, Niki si agitava, non riuscivo a tirarlo fuori dall'abitacolo perché era ancora legato con le cinture, poi per fortuna svenne e riuscii a staccare le cinture, a trascinarlo fuori dalla macchina che bruciava e a fargli il massaggio cardiaco e la respirazione artificiale, come avevo imparato da militare. Senza quell'operazione, non sarebbe stato più con noi».

Così Arturo Merzario ricorda come salvò la vita a Niki Lauda, tre volte campione del mondo di F1, scomparso a 70 anni.

«Non voglio rimarcare il fatto di aver dato una seconda vita ad un amico-nemico: dico così perché nelle competizioni sportive i tuoi amici sono sempre nemici. Dopo gli eventi al Nürburgring è stato più amico che nemico, fermo restando che come concorrente è rimasto un avversario. È sempre così nelle competizioni sportive».

Del Lauda pilota sapevi tutto, come era invece dal lato umano?

«Di Niki si sono sempre dette molte cosa. Dal mio punto di vista, però, il Niki che ho conosciuto io a fine anni Sessanta, quando lui si cimentava nelle formule cadette, nelle sport prototipo, era un giovane emergente che dava fastidio e provocava quelli già affermati. Era un pilota determinato, valido sotto tutti i punti di vista. Non era super veloce, ma la sua intelligenza e il saper andare più lentamente degli avversari ha fatto sì che vincesse la guerra, pur perdendo alcune battaglie».

Quindi Lauda era una persona che dell’intelligenza aveva fatto la sua cifra distintiva, pur non essendo il più veloce… A distanza di anni vi siete poi ritrovati. Vi siete confessati qualcosa che magari all’epoca, quando eravate avversari in pista, non vi eravate mai detti?

«In occasione dei trent’anni dall’incidente al Nürburgring, nel 2006, grazie a Bernie Ecclestone, grande patron che manca molto nella direzione della F1, ci siamo riuniti. Dopo questo incontro, è nato un altro rapporto. Per scherzare feci finta di trovare un orecchio di maiale nel prato dove aveva avuto l'incidente, glielo diedi e lui rispose che lo avremmo fatto alla griglia!».

Sei stato l'ultimo a sentirlo, almeno pubblicamente...

«Sì, dopo il trapianto di polmoni, eravamo in diretta TV a Paddock di Franco Bobbiese. Prendo il telefono, lo chiamo e mi dico: al massimo mi manda a quel paese come fa di solito. Invece la telefonata gli fece piacere, ringraziò i tifosi e il pubblico, era commosso, lo capii bene perché lo conoscevo, non si aspettava quella telefonata e l'applauso caloroso del pubblico. Ce la faccio, mi sto allenando e preparandomi al ritorno in pista, ciao Arturo, ci vediamo in circuito mi disse... Ecco, posso solo dire ciao Niki».

© Riproduzione riservata
COMMENTA E CONDIVIDI

ARGOMENTI: