martedì 7 maggio 2019
Il testo della preghiera recitata da papa Francesco il 7 maggio davanti al Memoriale di Madre Teresa a Skopje e composta per l'occasione
Papa Francesco davanti al Memoriale di Madre Teresa a Skopje (LaPresse)

Papa Francesco davanti al Memoriale di Madre Teresa a Skopje (LaPresse)

COMMENTA E CONDIVIDI

Ecco il testo della preghiera recitata da papa Francesco il 7 maggio davanti al Memoriale di Madre Teresa a Skopje, in occasione del viaggio apostolico in Macedonia del Nord. La preghiera è stata composta per l'occasione, in onore di Madre Teresa.


Preghiera del Santo Padre


Dio, Padre di Misericordia e di ogni bene,

ti ringraziamo per il dono della vita

e del carisma di Santa Madre Teresa.

Nella tua immensa Provvidenza l’hai chiamata

a dare la testimonianza del tuo amore

tra i più poveri dell’India e del mondo.

Lei ha saputo fare del bene ai più bisognosi,

poiché ha riconosciuto in ogni uomo e donna

il volto del tuo Figlio.

Docile al tuo Spirito,

è diventata la voce orante dei poveri

e di tutti coloro

che hanno fame e sete di giustizia.

Accogliendo il grido di Gesù dalla croce,

«Ho sete»,

Madre Teresa ha dissetato

la sete di Gesù sulla croce,

compiendo le opere dell’amore misericordioso.

Chiediamo a te, Santa Madre Teresa,

madre dei poveri,

la tua particolare intercessione e il tuo aiuto,

qui, nella città della tua nascita,

dove era la tua casa.

Qui tu hai ricevuto il dono della rinascita

nei sacramenti dell’Iniziazione Cristiana.

Qui hai ascoltato le prime parole della fede

nella tua famiglia e nella comunità dei fedeli.

Qui hai cominciato a vedere

e a conoscere la gente nel bisogno,

i poveri e i piccoli.

Qui hai imparato dai tuoi genitori a voler bene

ai più bisognosi e ad aiutarli.

Qui, nel silenzio della chiesa,

hai sentito la chiamata di Gesù a seguirlo,

come religiosa, nelle missioni.

Da qui ti preghiamo: intercedi presso Gesù

affinché anche noi otteniamo la grazia

di essere vigili e attenti al grido dei poveri,

di coloro che sono privati dai loro diritti,

degli ammalati, degli emarginati, degli ultimi.

Lui ci conceda la grazia di vederlo

negli occhi di chi ci guarda

perché ha bisogno di noi.

Ci doni un cuore che sa amare Dio

presente in ogni uomo e donna

e che sa riconoscerlo in coloro

che sono afflitti da sofferenze e ingiustizie.

Ci conceda la grazia di essere anche noi

segno di amore e di speranza nel nostro tempo,

che vede tanti bisognosi, abbandonati,

emarginati ed emigranti.

Faccia sì che il nostro amore non sia solo a parole,

ma sia efficace e vero,

perché possiamo rendere

una testimonianza credibile alla Chiesa

che ha il dovere

di predicare il Vangelo ai poveri,

la liberazione ai prigionieri, la gioia agli afflitti,

la grazia della salvezza a tutti.

Santa Madre Teresa prega per questa città,

per questo popolo, per la sua Chiesa

e per tutti coloro che vogliono seguire Cristo

come discepoli di lui, Buon Pastore,

compiendo opere di giustizia, d’amore,

di misericordia, di pace e di servizio,

come lui che è venuto non per essere servito,

ma per servire e donare la vita per tanti,

Cristo nostro Signore.

Amen.

© Riproduzione riservata
COMMENTA E CONDIVIDI