Filippine. Video choc: il Daesh profana una chiesa a Marawi


Redazione Internet giovedì 15 giugno 2017
Le immagini del video sono di carattere violento: mostrano la profanazione di una chiesa a Marawi, nelle Filippine. Le pubblichiamo per denunciare la persecuzione dei cristiani a opera del Daesh

Le immagini che vedrete nel video sono di carattere violento: mostrano la profanazione di una chiesa a Marawi, nelle Filippine. Le pubblichiamo per denunciare come il Daesh anche nel Sud Est asiatico stia perpetrando offese e violenze ai simboli del cristianesimo, oltre a perseguitare gli stessi cristiani.


Come è la situazione a Marawi, nelle Filippine?

Proseguono a rilento le operazioni militari per liberare la città di Marawi, nelle Filippine, dall'occupazione jihadista dei Maute. La tensione è altissima nella quarta settimana di scontri: dallo scorso 23 maggio il conflitto, infatti, interessa la città, sull’isola meridionale di Mindanao, dopo la parziale occupazione da parte dei guerriglieri del gruppo estremista islamico Maute. A oggi i morti sono circa 200, di cui la maggior parte ribelli.

Centinaia di combattenti islamici sarebbero riusciti a lasciare l’area, forse diretti verso centri vicini dove possono contare su appoggi tra la popolazione musulmana. Per fuggire, secondo quanto riporta l’agenzia Fides, i terroristi impiegano donne e bambini come scudi umani. Oltre 250 ostaggi restano nelle mani dei guerriglieri, inclusi il vicario episcopale padre Teresito “Chito” Suganob, e 14 cattolici sequestrati con lui nella Cattedrale attaccata e incendiata. «Gli ostaggi non si possono mai considerare «danni collaterali», dunque speriamo che le forze armate facciano il possibile per salvarli», ha dichiarato a Fides il vescovo di Marawi, monsignor Edwin de la Peña. L’attesa per la loro sorte si associa alla preoccupazione, che è anche dell’Unicef, per le conseguenze dei combattimenti e dell’evacuazione sugli almeno 50mila bambini coinvolti.

© Riproduzione riservata