mercoledì 18 aprile 2018
Due giovani con la kippah insultati e percossi a Berlino. In Germania dal primo maggio un delegato governativo contro l'antisemitismo
Una delle due vittime ha filmato l'aggressione antisemita e postato il video su web (Ansa)

Una delle due vittime ha filmato l'aggressione antisemita e postato il video su web (Ansa)

COMMENTA E CONDIVIDI

«Non sono ebreo: sono un israeliano cresciuto in una famiglia araba». Adam, 21 anni, aveva denunciato alla polizia di essere stato vittima di un’aggressione antisemita da parte di alcuni coetanei che lo chiamavano «yahoudi», «ebreo» in arabo. Ma poi, in un’intervista all’emittente radiofonica, Deutsche Welle, ha detto che stava facendo «un esperimento»: un amico gli aveva detto che indossare in Germania la kippah, il copricapo usato dagli ebrei, era pericoloso, e lui ha voluto verificare questa affermazione. Così, i due giovani, 21 e 24 anni, uno israeliano e l’altro tedesco, si sono messi la kippah e sono andati nel quartiere di Prenzlauer Berg, in centro.

Lì sono stato accerchiati da tre giovani. Uno di loro li ha ripetutamente colpiti con una cintura. Poi sono scappati. Adam – che in qualche modo è riuscito a riprendere la scena, diffondendola poi sul Web – ha cercato di inseguirli, ma ha desistito quando gli hanno lanciato contro una bottiglia di vetro. La provocazione fa seguito ad altre aggressioni subite negli ultimi mesi dagli ebrei nella capitale e in altre città.

Uno degli aggressori in un fermo immagine del video girato da uno dei due aggrediti e postato su web (Ansa)

Uno degli aggressori in un fermo immagine del video girato da uno dei due aggrediti e postato su web (Ansa)


Prima che Adam avesse rivelato le motivazioni del suo gesto, la cancelliera Angela Merkel aveva condannato l’accaduto: «La battaglia contro l’antisemitismo deve essere vinta», aveva detto. Il governo tedesco ha ricordato che dal primo maggio entrerà in carica un delegato contro l’antisemitismo.

© Riproduzione riservata
COMMENTA E CONDIVIDI

ARGOMENTI: