Il mistero. Riflettori su padre Dall'Oglio a quattro anni dal rapimento in Siria


Redazione Esteri giovedì 27 luglio 2017
La Rai dedica in questi giorni una programmazione speciale alla vicenda del gesuita rapito nel luglio del 2013. Appuntamento anche a Milano
Veglia per il gesuita Paolo Dalkl'Oglio, 62 anni, scomparso in Siria in circostanze misterioose quattro anni fa

Veglia per il gesuita Paolo Dalkl'Oglio, 62 anni, scomparso in Siria in circostanze misterioose quattro anni fa

A quattro anni dal rapimento di padre Paolo Dall’Oglio in Siria (entrato nel Paese il 27 luglio del 2013 è scomparso due giorni dopo), la Rai dedica una speciale programmazione alla sua figura con un progetto curato dalla Direzione comunicazione. Venerdì e sabato nei programmi, nei telegiornali e nei giornali radio saranno presenti servizi, speciali e approfondimenti sull’opera del gesuita portatore di pace e sulla sua attività nel teatro del conflitto siriano. Un’iniziativa che il servizio pubblico mette in campo per tenere accesi i riflettori sulla sua scomparsa e contribuire a mantenere vivo il filo della speranza. Nella giornata di venerdì su Rai1 “Uno Mattina estate” (con uno spazio a cura del Tg1 dalle 7.10) e “La vita in diretta estate”, dalle 15.40, riserveranno ampie finestre di approfondimento alla vicenda di Padre Dall’Oglio.
All’interno del programma pomeridiano saranno ospiti Riccardo Cristiano, presidente dell’«Associazione giornalisti amici di padre Dall’Oglio»; Padre Giulio Albanese, missionario comboniano; Lucia Goracci, corrispondente da Istanbul e inviata Rai. Questa sera, a Milano, la Fondazione culturale San Fedele e le Edizioni San Paolo presentano il libro “Paolo Dall’Oglio, la profezia messa a tacere”, libro a più voci curato da Riccardo Cristiano. L’appuntamento è a Piazza San Fedele 4, alle 20.45.

Sul sito di Tv2000 puoi anche trovare un WebDoc dal titolo "4 anni senza padre Dall'Oglio" CLICCA QUI



© Riproduzione riservata

Terrorismo

Riccardo Redaelli
Il monitoraggio e la repressione, seppur efficienti nel nostro Paese, non bastano. La legge sulla cittadianza attraverso lo ius culturae sarebbe uno strumento lungimirante.
Giorgio Ferrari
Un jihadismo fai-da-te, nascosto tra le pieghe dimenticate dell'opulenta e spesso indifferente Europa, al quale si deve rispondere con ogni mezzo. Evitando l'unico pericolo: assuefarsi